Banche Aree interne 2021 800x450 Tavola disegno 1

Scarica il bando e partecipa

 Lo scenario delle aree interne nel nostro Paese fotografa un territorio esteso dal punto di vista geografico e al contempo frammentato e disomogeneo in termini di erogazione e fruizione di servizi, in particolare per quelli essenziali (salute, istruzione e mobilità), che di fatto si traduce in disuguaglianze di ampio spettro rispetto al resto del Paese.

Le aree interne rappresentano infatti, il 52% dei Comuni, coprono circa il 60% della superficie territoriale e ospitano il 22% della popolazione nazionale. Sono luoghi che si contraddistinguono per uno spopolamento progressivo e per l’invecchiamento della popolazione residente, con un aumento del livello delle disuguaglianze, sia nell’accesso che nella qualità dei servizi offerti, in particolare la salute e l’istruzione. Sono luoghi penalizzati da un divario digitale significativo e dalla dismissione progressiva dei servizi a rete, non ultimi sportelli bancari e uffici postali.

L’attenzione a questi problemi e a queste disuguaglianze è parte dell’attività di Cittadinanzattiva in termini di tutela dei diritti e di sostegno ai soggetti in condizione di debolezza anche in considerazione del fatto che, a causa dell’emergenza sanitaria, che abbiamo vissuto e che stiamo ancora vivendo, questi territori rischiano di essere ulteriormente penalizzati.

Da queste premesse nasce la terza edizione del progetto “L'accesso ai servizi bancari nelle aree interne - 2021” con cui si intende proseguire il percorso iniziato nel 2019, con un progetto pilota, e proseguito nel 2020 con l’obiettivo di contribuire a rispondere alle esigenze della popolazione presente in queste aree, favorirne la digitalizzazione e accrescerne la consapevolezza finanziaria.

Partendo dal contesto proprio delle aree interne e per rispondere alla necessità di accedere ai principali servizi bancari e finanziari anche da remoto, questa nuova progettualità mira a creare conoscenza circa le opportunità che la digitalizzazione può offrire alla popolazione residente in questi territori e valorizzare le buone pratiche che abbiano contribuito a migliorare la qualità della vita dei cittadini.

L’iniziativa si articola in due filoni di attività:

  • Incontri con esperti sulla sicurezza informatica

Si prosegue il percorso avviato nelle prime due edizioni realizzando 2 seminari multi-regione dedicati al tema della sicurezza informatica nei quali saranno coinvolti gli “informatori di prossimità”, figure di riferimento imprescindibili per il contesto delle aree interne, appositamente formati sul tema della digitalizzazione dei servizi bancari e finanziari.  Nel corso degli incontri, che saranno realizzati tramite webinar, esperti di cybersecurity di UniCredit illustreranno quali sono e come prevenire le principali truffe informatiche. 

  • Raccolta, valorizzazione e diffusione di buone pratiche realizzate nei territori delle aree interne

 

Dal 5 novembre è attivo “Chi l’ha fatto ?”  il premio per le buone pratiche realizzate nelle aree interne, che abbiano in qualche modo aiutato a migliorare la qualità della vita ai residenti di questi luoghi.

Scarica il bando del premio e Partecipa.

 

 

Per maggiori informazioni contattare Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Anno di realizzazione 2021: in corso

 

 

 

Progetto realizzato in collaborazione con UniCredit nell’ambito del programma di partnership “Noi & UniCredit”

Si precisa che UniCredit non raccoglierà e/o utilizzerà in alcun modo i dati forniti per partecipare al bando che saranno ad uso esclusivo di Cittadinanzattiva.

 

unicredit

Metà campana metà romana, poliedrica, e alla continua ricerca del bello nella fotografia e nell’arte attraverso i suoi quadri. Da 10 anni impegnata in Cittadinanzattiva, sempre in difesa e a tutela dei cittadini, in particolare per l’area consumatori e le politiche della conciliazione. Il suo motto è ”Il mondo non è di chi si alza presto la mattina, ma di chi si alza felice di iniziare una nuova giornata

Condividi