apriamoiporti

La nave Aquarius della Ong SOS Mediterranée è rimasta per giorni in attesa del permesso di attraccare in un porto italiano per far sbarcare i 629 migranti salvati in diverse operazioni nei giorni precedenti. Il governo italiano ha negato alla nave il permesso di arrivare in Italia e si è aperto uno scontro con il governo di Malta che ha rifiutato di occuparsi dell’accoglienza dei migranti a bordo. Cittadinanzattiva, con un suo comunicato aveva chiesto di aprire urgentemente la possibilità di sbarco in un porto italiano perché la salvaguardia delle vite umane deve essere prioritaria rispetto a qualunque necessità politica o diplomatica.

Dopo giorni di attesa, finalmente, è stata la Spagna a dare il via libera allo sbarco della nave nel porto di Valencia e l'Aquarius al momento è in viggio verso Valencia: i migranti sono stati trasbordati su due imbarcazioni militari italiane. Intanto, da Milano a Catania, sono moltissime le città che continuano a scendere in piazza per chiedere al governo di riaprire i porti alle navi umanitarie, perché ciò che è successo all’Aquarius non accada più. Open Migration ha raccolto le iniziative in una mappa interattiva, per individuare tutte le manifestazioni di solidarietà che si stanno svolgendo nel nostro Paese. Guarda la mappa e qui gli ultimi aggiornamenti della vicenda:

Valentina Ceccarelli
Classe '78, romana e romanista doc. Laureata in Giurisprudenza, è a Cittadinanzattiva dal 2009. Impegnata nella tutela dei diritti dei cittadini, è consulente del Pit Unico e si occupa delle tematiche di Giustizia per la newsletter. Appassionata di libri, cucina e danza orientale, è convinta che il mondo non si possa cambiare restando seduti.

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.