Domanda
Cos'è la ricetta elettronica e come funziona?

Risposta

Dal marzo 2016 è entrata in vigore la ricetta elettronica per l’erogazione dei farmaci. La disposizione è particolarmente utile ai cittadini che si spostano per studio o per lavoro, consentendo infatti, di ritirare in qualunque farmacia pubblica e privata convenzionata, su tutto il territorio nazionale, i medicinali prescritti dal proprio medico. E' quanto previsto nel DPCM 14 novembre 2015 pubblicato sulla Gazzetta ufficiale del 31 dicembre, che regola le modalità di compensazione tra le Regioni del rimborso della ricetta farmaceutica. Il medico, per prescrivere un farmaco quindi, si connette tramite il proprio PC al sistema informatico di riferimento ed effettua la prescrizione on line. 

Il sistema genera un codice al quale il medico associa il codice fiscale del cittadino completo di tutte le informazioni di esenzione (per reddito, per patologia, ecc). Il medico stampa e consegna al cittadino un “promemoria” che riporta il codice fiscale, eventuali esenzioni e la prescrizione del farmaco. È importante sapere che il cittadino usufruirà dell’eventuale esenzione prevista nella propria regione e pagherà il ticket previsto nella propria regione anche se acquisterà il farmaco in una regione diversa da quella di residenza. 

Questo procedimento telematico sarà esteso anche alla prescrizione di esami e visite specialistiche, in quanto la ricetta elettronica sarà accettata oltre che dagli ospedali, anche da cliniche e dagli ambulatori.

Rubrica realizzata grazie a "Rafforziamo la tutela!", progetto realizzato grazie al contributo non condizionato di Johnson &Johnson Medical

Condividi

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.