mattarella auguri 2015 02 19

 Auguri Presidente! Cittadinanzattiva esprime le proprie felicitazioni per l’elezione di Sergio Mattarella, negli anni promotore del ruolo costituzionale dei cittadini attivi nella sfera pubblica

Cittadinanzattiva esprime le proprie felicitazioni al nuovo Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. La nomina assume un particolare significato per tutti i cittadini attivi e le organizzazioni civiche alla luce dell’attenzione che il Presidente ha sempre dedicato ai temi della tutela dei diritti, della partecipazione e del servizio civile in una accezione universale.

In particolare, per Cittadinanzattiva, l’elezione avviene proprio nell’anno in cui ricorre il 35nnale del suo Tribunale per i diritti del malato: negli anni ’80 fu proprio grazie all’impegno di Mattarella, in qualità di membro della Commissione Affari Costituzionali della Camera, che fu elaborata un proposta di legge quadro sui diritti del malato che riconosceva valore di fonte normativa alle Carte dei diritti del malato, realizzate attraverso il coinvolgimento dei cittadini.

In quegli anni, e in diversi a venire, Mattarella ha offerto un importante contributo alla  riflessione di Cittadinanzattiva (all’epoca Movimento Federativo Democratico) su un nuovo ruolo dei cittadini, da utenti a cittadini attivi.
Infine, non di minore importanza, nei primi anni ’90, la sua attenzione al punto di vista di Cittadinanzattiva e di altre organizzazioni civiche nel processo di Riforma della legge elettorale.
 
A questo link il resoconto parlamentare sulla legge quadro sui diritti del paziente http://legislature.camera.it/_dati/leg10/lavori/Bollet/19890125_00_04.pdf 

A questo link invece l'intervento del Presidente Mattarella sul ruolo dei cittadini, estratto dagli atti del decennale del Tribunale per i diritti del malato (1990) http://issuu.com/cittadinanzattivaonlus8/docs/mattarella_complie_utente_cittadino/0

Ufficio Stampa
Ufficio stampa e comunicazione di Cittadinanzattiva, e se no di chi? Scriviamo, parliamo, twittiamo e ci divertiamo. Se esageriamo, ditecelo!

Condividi

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.