"Non siamo nati per soffrire" è la Campagna di informazione sul dolore cronico rivolta a tutti i cittadini.
Il dolore non deve essere più considerato come un fardello che accompagna ineluttabilmente la malattia, ma può e deve essere alleviato in ogni fase, indipendentemente dalla patologia che lo genera, soprattutto quando esso si cronicizza.

Il dolore cronico, in particolare, figura fra i motivi più frequenti di consultazione medica e rappresenta una grande sfida politico-sanitaria in tutta Europa.
In questo contesto Cittadinanzattiva - attraverso il Tribunale per i diritti del malato - è impegnata per tutelare il diritto a non soffrire inutilmente.

Finalità della Campagna:

  • sensibilizzare i cittadini a conoscere meglio il dolore cronico non oncologico;

  • contribuire ad eliminare i falsi miti sull'argomento;

  • fornire strumenti comunicativi per facilitare il dialogo medico-paziente;

  • orientare i cittadini a farsi seguire da figure mediche evitando pericolose autodiagnosi;

  • favorire occasioni di incontro tra le diverse figure professionali coinvolte nel percorso di diagnosi e cura del dolore cronico.

La Campagna nel 2008 ha permesso l'allestimento di punti informativi in ben 33 città italiane.

Scarica il leaflet della Campagna "Non siamo nati per soffrire"

Anno di realizzazione: 2008

Se vuoi saperne di più in tema di dolore cronico visita la relativa Area di Interesse


La Campagna è realizzata in collaborazione con:

  • AISD - Associazione Italiana per lo studio del Dolore Link - www.aisd.it

  • FIMMG - Federazione Italiana Medici di Medicina Generale - www.fimmg.org

  • SIAARTI - Società Italiana di Anestesia, Analgesia, Rianimazione e Terapia Intensiva - www.siaarti.it

  • SIMG - Società Italiana di Medicina Generale - www.simg.it


Con il sostegno di

pfizer logo
in
Redazione Online
Siamo noi, quelli che ogni giorno scovano e scrivono forsennatamente notizie di diritti e partecipazione. Non solo le nostre, perché la cittadinanza attiva è bella perché è varia. Età media: 33 anni, provenienza disparata....

Condividi

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.