Stili di vita salutari aiutano a prevenire malattie cardiovascolari e cerebrovascolari come infarto ed ictus.

Leggi come mantenere in forma cuore e cervello, quali sono i campanelli di allarme delle più comuni patologie cardiovascolari e cerebrovascolari, come attivarti al meglio ed a quali figure e servizi far riferimento.

Scarica la guida Mi sta a cuore

Bastano poche mosse per tutelare la tua salute. Attivati da subito!

La Campagna Mi sta a cuore , promossa da Cittadinanzattiva intende sensibilizzare i cittadini ad adottare stili di vita salutari; promuovere una maggiore consapevolezza sui principali rischi che possono determinare patologie cardiovascolari e cerebrovascolari; ad essere attivi nel tutelare la propria salute.

Nei mesi di novembre e dicembre:

  • in oltre 30 città italiane i volontari di Cittadinanzattiva - Tribunale per i diritti del malato distribuiranno ai cittadini gratuitamente la guida “Mi sta a cuore”. Scarica il calendario degli eventi
  • Le farmacie che aderiscono a questa iniziativa  e che esporranno la locandina della Campagna offriranno ai cittadini un controllo gratuito di altezza, peso e pressione arteriosa

Hanno collaborato alla realizzazione della guida “Mi sta a cuore”:
ALT
– Associazione per la Lotta alla Trombosi ed alle malattie cardiovascolari Onlus
A.L.I.Ce. Italia Onlus – Associazione per la Lotta all’Ictus Cerebrale
ANMCO – Associazione Nazionale Medici Cardiologi Ospedalieri
CCMR - Coordinamento Regionale per la prevenzione e il Controllo delle Malattie, Regione del Veneto
CONACUORE – Coordinamento Nazionale Associazioni del Cuore
FEDERFARMA – Federazione Nazionale Unitaria Titolari di Farmacia
GISE – Società Italiana di Cardiologia Invasiva
ISO – Italian Stroke Organization
SIC – Società Italiana di Cardiologia
SIMEU – Società Italiana Medicina di Emergenza Urgenza
SIMG – Società Italiana di Medicina Generale
SIN – Società Italiana di Neurologia
SItI – Società Italiana di Igiene e Medicina Preventiva e Sanità Pubblica

Le motivazioni della collaborazione e del sostegno all’intera Campagna “Mi sta a cuore”:
A.L.I.Ce. - "Meno del 50% degli italiani conoscono l'Ictus Cerebrale e poco più del 20% ne conoscono tutti i suoi sintomi e sanno che, se si interviene tempestivamente, si può curare. Solo qualche milione sa poi che oltre l'80% degli Ictus potrebbe essere evitato con una corretta prevenzione. Una delle missioni di A.L.I.Ce. Italia Onlus è quello di cercare di colmare questo gap cognitivo ed è per questo che la nostra Federazione partecipa con entusiasmo a qualsiasi iniziativa che possa aiutare in tal senso"

ALT - Infarto, ictus cerebrale, embolia sono malattie diverse causate molto spesso da un meccanismo comune, la trombosi. Malattie gravi, diffuse e costose per il singolo e per la società. Colpiscono ogni anno 600mila persone in Italia, il doppio dei tumori: sappiamo con certezza che almeno una persona su tre si può salvare. La prevenzione è urgente, possibile, efficace e sostenibile: richiede un investimento da parte del singolo, in senso di responsabilità, non in denaro. Ogni cittadino ha il diritto di conoscere le malattie cardio e cerebrovascolari, e di sapere che i fattori che aumentano la probabilità di malattia risiedono in scelte quotidiane che modulano il nostro stile di vita. Ogni cittadino ha il diritto di sapere ma anche il dovere di scegliere il proprio stile di vita per dirigere il proprio futuro verso una vita con o senza infarto, con o senza ictus. Alle associazioni il dovere di informare, ai cittadini il dovere di ascoltare e fare il passo verso uno stile di vita intelligente che riduca la probabilità di andare incontro a malattie che potrebbero essere evitate.

CONACUORE - Questa guida è estremamente importante in quanto non può sottacersi che la madre di ogni problema, anche quello degli scompensati cardiaci, per esempio e del crescente numero dei medesimi, rimane l’inesistente drenaggio del fenomeno ad iniziare dall’età scolare. Cioè prima che un ragazzo su tre vada in sovrappeso e che uno su sei diventi obeso. In estrema sintesi, l’espressione “meglio prevenire che curare” trova tutti d’accordo nel declamarla, ma non emerge ancora, dopo decenni, una provvida Politica che intenda tradurla in progettualità concreta nel medio-lungo periodo. Quanto espresso non è da riferirsi soltanto ai cardiopatici scompensati, e non, bensì all’intero pianeta delle cronicità che sarebbero, anzi sono tutte prevenibili.

ISOSIN - L’ictus cerebrale è la malattia neurologica di gran lunga più frequente ed è la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, nei Paesi occidentali. Tuttavia, è una malattia che si può prevenire e curare, limitandone così la prima manifestazione o le recidive, oltre che i danni conseguenti. Ma la possibilità di prevenire e curare passa attraverso la  responsabilizzazione e l’informazione dei cittadini, prima ancora che diventino “pazienti”. Incrementare la conoscenza e la partecipazione dei cittadini per migliorare la salute del nostro cervello è un punto centrale nella mission della Società Italiana di Neurologia e dell’Italian Stroke Organization, che hanno quindi partecipato con entusiasmo a questo progetto.

FEDERFARMA - Recenti indagini volte a quantificare l’impatto sociale delle funzioni svolte dalla farmacia hanno evidenziato la grande attenzione dedicata quotidianamente alla prevenzione, attraverso campagne di educazione sanitaria, promozione di corretti stili di vita e screening. In questo contesto si inserisce la collaborazione delle farmacie all’iniziativa “Mi sta a cuore”, promossa da Cittadinanzattiva per ridurre il rischio cardiovascolare. Con l’opuscolo informativo, la locandina e con l’impegno concreto nella misurazione gratuita di peso, altezza e pressione a favore dei soggetti a rischio, le farmacie sono pronte a dare anche in questa occasione il loro contributo al miglioramento del livello di salute della popolazione.

SIC - La Società Italiana di Cardiologia ha collaborato attivamene nella stesura dell’opuscolo per attirare l’attenzione sul dolore toracico e sulle necessità di contattare il 118 o il Pronto Soccorso nel più breve tempo possibile in quanto “il tempo è un muscolo”. Poiché la morte delle cellule cardiache avviene dopo breve tempo dalla mancanza/riduzione del del flusso di sangue, è indispensabile intervenire rapidissima mante con i trattamenti a disposizione (angioplastica, trombolisi) al fine di ridurre al minimo il danno infartuale o addirittura evitarlo. Inoltre, è stata sottolineata l’importanza dell’uso di farmaci (nitrati) in grado di dilatare le coronarie e migliorare il flusso coronarico

GISE - come Società di settore nella Cardiologia, pur se dedicata all’ultra specializzazione nell’interventista coronarica, vascolare e strutturale, ritiene che la comunicazione chiara e comprensibile ai più, sia alla base del rapporto fiduciario medico-paziente. Animata da questo spirito collaborativo con “Cittadinanzattiva” si è adoperata nella compilazione di questo  documento, che rappresenta per la Società la giusta strada da seguire per essere accanto al paziente, guidandolo nella comprensione e nella prevenzione delle malattie del cuore.

SIMEU - La Società Italiana di Medicina di Emergenza-Urgenza (SIMEU) crede fortemente nel ruolo “sociale” del Pronto Soccorso, osservatorio del cittadino che ricorre in emergenza per le cure sanitarie.
La SIMEU promuove e partecipa a progetti di educazione sanitaria e progetti specifici di educazione e prevenzione dei rischi.
La SIMEU, nell’ottica dell’empowerment del cittadino, sostiene il potenziamento del ruolo dei pazienti e degli  operatori sanitari a cui viene chiesto di partecipare attivamente alla produzione ed erogazione dei servizi, attraverso un dialogo comune e condiviso che dia forza alla richiesta di salute e all’offerta dei sevizi in emergenza per la salute: un patto di alleanza tra i professionisti dell’emergenza ed i cittadini, considerando sempre la centralità del paziente.

SItI - Le malattie croniche, tra le quali vi sono anche le malattie cardiovascolari e cerebrovascolari causano un'elevata perdita di vite umane e un grave carico di disabilità e costi sanitari e sociali. Tali patologie possono essere prevenute attraverso l'acquisizione di sani stili di vita che,  assieme ad un' eventuale terapia medica se necessaria, possono migliorare la qualità della vita. La S.It.I. Società Italiana di igiene e Medicina preventiva e Sanita' Pubblica, da anni impegnata in campagne ed attività rivolte alla prevenzione della Malattie cardiovascolari e cerebrovascolari, ha partecipato con piacere alla stesura di questo opuscolo informativo che sarà diffuso alla cittadinanza, sperando che esso possa influire favorevolmente nella percezione del rischio cardiovascolare e cerebrovascolare che ancora oggi risulta sottovalutato dalla popolazione.


Per saperne di più
Cittadinanzattiva da sempre è impegnata in attività rivolte alla salute ed alla promozione del benessere dai più giovani agli adulti. Dal nostro sito:

  • scarica il Manifesto di “Pronti partenza… gnamOPPURE Approfondisci alla sezione:  troverai informazioni e consigli da mettere in pratica ed adatti a bambini, ragazzi, genitori ed insegnanti per una sana alimentazione ed una costante attività motoria.
  • Scarica la Locandina “togli il fumo dagli occhi” sulla lotta al tabagismo. Se intendi realizzare nella tua scuola un’azione di prevenzione o di ostacolo al fumo, consulta l’opuscolo

Se vuoi approfondire

Progetto realizzato con il contributo non condizionato di

bayer-health-care-logo

Classe '74, cosentina di nascita, della mia Calabria porto sempre con me gli affetti più cari e la lucentezza del mare. Oltre alla psicologia, che è la mia passione, mi sta a cuore il diritto alla salute dei cittadini. Sono a Cittadinanzattiva dal 2002, dove ho cominciato ascoltando ed informando i cittadini che si rivolgono al Servizio PiT. Affascinata dal gene dell’attivismo civico degli aderenti a questo Movimento e dalle battaglie di tanti cittadini per una sanità a misura d’uomo, oggi mi occupo di progetti, campagne di informazione e politiche della salute

Condividi

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.