con dossier asili nido 2015 800x450

Asili nido: tariffe stabili, ma troppi bimbi in attesa di un posto.
311 euro la retta media mensile, Lecco il capoluogo più costoso, a Cosenza incremento record. Ecco i dati della Indagine 2015 di Cittadinanzattiva

311 euro, a tanto ammonta la retta media mensile per un bimbo iscritto all’asilo nido comunale. Un costo che incide del 12% sulla spesa sostenuta ogni mese da una famiglia media italiana e che varia, anche in maniera consistente, a livello regionale e provinciale. La regione più costosa la Valle D’Aosta (440 euro), quella più economica la Calabria (164 euro) che, rispetto al 2013/2014, ha però registrato l’incremento più consistente (+18%) a livello nazionale.

Fra i capoluoghi di provincia, solo 14 hanno aumentato le rette: l’incremento record a Cosenza (+117,3%), quello minimo a Trieste (+0,5%). Lecco la provincia più cara (515 euro), Catanzaro la meno cara (100 euro).
A rendere noti i dati su costi, disponibilità di posti e lista di attesa negli asili nido comunali è l’Osservatorio nazionale prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, che ogni anno fornisce un quadro nazionale delle spese sostenute dalle famiglie italiane in merito ai servizi pubblici locali (asili nido, acqua, rifiuti, trasporti pubblici).
Oggetto della ricerca sono state le rette applicate al servizio di asilo nido comunale per la frequenza a tempo pieno (in media, 9 ore al giorno) e, dove non presente, a tempo ridotto (in media, 6 ore al giorno), per cinque giorni a settimana. L’analisi ha considerato una famiglia tipo di tre persone (genitori e figlio 0-3 anni) con reddito lordo annuo di 44.200€ e relativo Isee di 19.900€. I dati sulle rette sono elaborati a partire da fonti ufficiali (amministrazioni comunali) relativi a tutti i capoluoghi di provincia e agli anni scolastici 2014/2015 e 2013/14).
On line su www.cittadinanzattiva.it l’indagine completa. 

"Chiediamo di rilanciare nel dibattito pubblico italiano l'adeguamento alle esigenze, anche economiche, delle famiglie italiane del servizio educativo per la prima infanzia”, ha dichiarato Tina Napoli, responsabile delle politiche per i consumatori di Cittadinanzattiva, “alla luce anche di quanto raccomandato dalla Commissione Europea nel 2013  con il documento "Investire nell'infanzia per spezzare il circolo vizioso dello svantaggio sociale", con cui appunto raccomandava agli stati membri di adottare  politiche dedite anche a promuovere l'accesso a servizi di qualità a un costo sostenibile. E’ necessario”, ha continuato Napoli, “prevedere una maggiore flessibilità per i servizi, una revisione degli orari, un'offerta integrata con le molteplici ma disomogenee esperienze di welfare aziendale e di soluzioni alternative. Ripensare il modello di servizio è urgente per permettere di frequentare l'asilo ad un maggior numero di bambini e a costi sostenibili."

Le città più care e quelle meno care
Nella top ten delle città più care, tra quelle che offrono il servizio a tempo pieno, si confermano, rispetto al 2013/14, Lecco, Sondrio, Belluno, Cuneo, Alessandria, Imperia, Cremona, Trento e Aosta mentre Mantova subentra a Bolzano.
Da segnalare che 4 sono in Lombardia, 2 in Piemonte, 1 in Trentino Alto Adige, 1 in Veneto, 1 in Valle d’Aosta e 1 in Liguria.
dossier asili 2015 top ten
Fonte: Cittadinanzattiva – Osservatorio prezzi&tariffe, settembre 2015

Per quanto riguarda le 10 città meno care (sempre tra quelle che offrono il servizio a tempo pieno) Macerata subentra a Foggia.

dossier asili 2015 minor spesa
Fonte: Cittadinanzattiva – Osservatorio prezzi&tariffe, settembre 2015

Ancora tanti bimbi “in cerca di asilo”
Fra liste di attesa e mancata copertura del servizio, sono ancora tanti i bimbi che di fatto non frequentano l’asilo nido. Secondo gli ultimi dati Istat, usufruisce del servizio di asilo nido comunale poco meno del 12% dei bimbi fra 0 e 2 anni, il dato varia però dal 24,8% dell’Emilia Romagna al 2% della Campania. Inoltre, uno su cinque resta in attesa di un posto nel nido comunale, con punte del 67% in Basilicata e del 51% in Valle D’Aosta.
Disparità notevoli anche sulle ore di frequenza: l’87% dei capoluoghi garantisce il servizio a tempo pieno, mentre città come Potenza, Matera, Bari, Brindisi, Lecce, Cagliari, Agrigento, Caltanissetta, Enna, Ragusa, Siracusa, Crotone garantiscono solo l’orario ridotto di sei ore.

Posti pubblici, posti privati
Gli asili nido pubblici sono 3.978, quelli a titolarità privata 5.372. La disponibilità dei posti è di 162.913 nelle strutture pubbliche e di 110.666 in quelli privati. Complessivamente, su 273.579 posti disponibili, il 59% è offerto da strutture pubbliche e il 41% da strutture private. Anche qui le differenze territoriali sono piuttosto evidenti come mostrato dalla tabella seguente
La regione che spicca per il più elevato numero di nidi pubblici è l’Emilia Romagna (619 strutture e 28.388 posti disponibili) seguita dalla Lombardia  (597 nidi e 25.145 posti) che conta anche il maggior numero di asili e posti privati (rispettivamente 1.540 e 35.825).
Complessivamente in Italia il 42% dei nidi sono pubblici ed il 58% privati. Le percentuali per aree geografiche sono: Sud (46% pubblici e 54% privati); Centro (45% pubblici e 55% privati); Nord (40% pubblici e 60% privati

Regione

Nidi a titolarità pubblica
al 31/12/2013

Nidi a titolarità privata
al 31/12/2013

Numero

Posti

Numero

Posti

Abruzzo

66

2.247

45

683

Basilicata

36

1.037

31

572

Calabria

79

1.103

135

2.025

Campania

n.d.

n.d

n.d.

n.d.

Emilia Romagna

619

28.388

399

9.890

Friuli V.G.

79

2.956

125

2.956

Lazio

343

23.206

496

n.d

Liguria

131

4.848

186

2.999

Lombardia

597

25.145

1.540

35.825

Marche

172

5.932

160

3.813

Molise

55

834

10

130

Piemonte

370

15.099

422

9.691

Puglia

208

7.080

356

7.192

Sardegna

112

3.340

203

4.280

Sicilia

112

7.769

18

330

Toscana

402

14.562

436

11.463

Trentino A.A

103

3.984

50

1.111

Umbria

69

2.964

129

3.295

Valle d’Aosta

25

752

2

43

Veneto

291

11.667

629

14.368

Italia

3.978

162.913

5.372

110.666

Fonte: Cittadinanzattiva – Osservatorio prezzi&tariffe su dati “Istat” e dati “Monitoraggio Regioni e Province Autonome, settembre 2015


Dato stimato al 31/12/2008

Il numero di servizi è al 31/12/2012

Il numero di servizi è al 31/12/2011 e il numero delle unità di offerta privata risulta parziale

Ufficio Stampa
Ufficio stampa e comunicazione di Cittadinanzattiva, e se no di chi? Scriviamo, parliamo, twittiamo e ci divertiamo. Se esageriamo, ditecelo!

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.