la matematica si impara il brige

Chi l'avrebbe mai detto che giocando a carte si impara la matematica? In effetti i giochi di carte hanno molto in comune con i calcoli. Si tratta di un progetto messo a punto dalla Federazione italiana Gioco Bridge insieme al Ministero dell'istruzione, e che coinvolge circa 600 scuole in tutto il Paese. Il gioco del bridge è un utile alleato per acquisire competenze logiche e di calcolo. Inizialmente per gli studenti sembra difficile capire il nesso tra le due cose ma successivamente tutto diventa chiaro. Giocare a bridge potenzia la concentrazione, l'autocontrollo e la capacità di analisi. E' uno sport per la mente ed innalza il rendimento scolastico.
Molti docenti lo consigliano soprattutto durante le vacanze estive. Proponetelo ai vostri figli!

Leggi l'articolo del Corriere della sera.

Calabrese di nascita, romana d’adozione. Classe '80, una laurea in Scienze della Comunicazione e una specializzazione in giornalismo. A Cittadinanzattiva dal 2007, prima nel Dipartimento Networking, poi nella rete Scuola dove attualmente si occupa di Progetti e Campagne. Appassionata di fotografia, cinema e soprattutto del “mare del sud” dal quale non riesce a stare lontana.

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.