classi pollaio

“Classi-pollaio” pericolose e seri ostacoli per le procedure antincendio: la terza sezione del Tar per la Sicilia dà ragione ai genitori degli alunni di un istituto superiore nel Palermitano, e annulla un provvedimento della dirigente che all’inizio dell’anno scolastico autorizzava lo svolgimento delle lezioni nonostante gli alunni in eccesso e la presenza di ragazzi con disabilità.

Secondo il Tar, la classe contava ”un numero di alunni, in presenza di disabili, eccedente e in contrasto con le disposizioni normative vigenti”. Ciò ha portato i genitori, rappresentati e difesi dall’avvocato Mariachiara Garacci, a impugnare il provvedimento della dirigente; quindi, è stata riscontrata la violazione delle normative di sicurezza e prevenzione antincendio.

Il Tar ha acquisito il dato della capienza dell’aula: ”una superficie netta per occupante di 1,265 mq”, si legge nell’ordinanza, che quindi “non rispetta i limiti di densità previsti dal d.m. 18 dicembre 1975” quantificati invece in 1,96 metri quadri per alunno. Tra dicembre 2018 e gennaio 2019 il Tar aveva richiesto all’istituto dei chiarimenti in materia di prevenzione degli incendi, riscontrando il mancato rispetto dei criteri di affollamento previsti da un altro decreto ministeriale.

Leggi di pià su LiveSicilia.it

Aurora Avenoso
Lucana, classe '73, master in comunicazione e relazioni pubbliche. Il meglio lo sto imparando con i miei figli, Greta e Giacomo. Per Cittadinanzattiva mi occupo di ufficio stampa e comunicazione. "Non dubitare mai che un gruppo di cittadini coscienziosi ed impegnati possa cambiare il mondo. In verità è l'unica cosa che è sempre accaduta" (Margaret Mead)

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.