LItalia un paese con pochi laureati

Dagli ultimi dati presentati dall'Ocse, emerge che il nostro Paese ha pochi laureati tra la fascia di età 20-34 anni e performance inferiori alla media. L'Italia purtroppo detiene anche un altro primato, si trova infatti agli utlimi posti su scala europea per investimenti sui giovani. Le spese in formazione sono circa il 4% del PIL, peggio della Grecia, le spese in formazione terziaria 7 miliardi nel 2013 contro i 28 investiti dalla Germania, politiche di inserimento nel lavoro 0,36 del PIl contro lo 0,57% della media internazionale. Altro ostacolo è dato dalle tasse universitarie, secondi i dati pare che gli universitari italiani paghino le tasse più alte e senza ricevere stesse sovvenzioni dei colleghi di Francia e Germania.

Leggi l'articolo.

Calabrese di nascita, romana d’adozione. Classe '80, una laurea in Scienze della Comunicazione e una specializzazione in giornalismo. A Cittadinanzattiva dal 2007, prima nel Dipartimento Networking, poi nella rete Scuola dove attualmente si occupa di Progetti e Campagne. Appassionata di fotografia, cinema e soprattutto del “mare del sud” dal quale non riesce a stare lontana.

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.