patrocinio gratuito

Lo scorso 13 ottobre è stata adottata dal Consiglio dell’Unione europea la direttiva sull'ammissione al Patrocinio a spese dello Stato per indagati o imputati nell'ambito di procedimenti penali e nell'ambito di procedimenti di esecuzione del mandato d'arresto europeo. E’ stato così rimosso l'ultimo ostacolo alle nuove norme sul patrocinio gratuito adottate a livello europeo: la direttiva è infatti la terza e ultima concordata di un pacchetto di proposte in materia di diritti a un equo processo nei procedimenti penali presentato dalla Commissione nel novembre 2013 e la sua adozione completa la tabella di marcia dell'UE per rafforzare i diritti procedurali di indagati e imputati nei procedimenti penali fissata nel 2009.

Gli Stati membri saranno tenuti a recepire la direttiva entro trenta mesi dalla sua pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea. Ma cosa stabiliscono le nuove norme? In particolare, si garantisce che il diritto al patrocinio gratuito - il sostegno finanziario o giudiziario destinato a chi non dispone delle risorse necessarie per sostenere i costi del procedimento - sia riconosciuto ed offerto in modo uniforme in tutta l'UE, per quanto riguarda l’ambito penale. Approfondisci qui la notizia e leggi la nostra scheda di approfondimento sul Patrocinio a spese dello Stato.

Valentina Ceccarelli
Classe '78, romana e romanista doc. Laureata in Giurisprudenza, è a Cittadinanzattiva dal 2009. Impegnata nella tutela dei diritti dei cittadini, è consulente del Pit Unico e si occupa delle tematiche di Giustizia per la newsletter. Appassionata di libri, cucina e danza orientale, è convinta che il mondo non si possa cambiare restando seduti.

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.