a omicidio stradale

E’ ormai in dirittura d’arrivo il Disegno di legge che introduce i reati di omicidio stradale e lesioni stradali gravi e gravissime: il 10 dicembre scorso il provvedimento è stato infatti approvato dal Senato con un voto di fiducia chiesto dal governo, anche se con numeri piuttosto contenuti (149 sì, 91 no e nessun astenuto) ed ora passa alla Camera in quarta lettura.

Nel maxi emendamento che è passato al Senato si confermano dai due ai sette anni di carcere per chi provoca per colpa la morte di qualcuno in violazione delle norme stradali; dagli otto ai dodici se è in stato di ebbrezza, sotto effetto di stupefacenti o in evidente violazione del codice della strada (es. chi supera del doppio i limiti di velocità o passa con il semaforo rosso). Pene più severe per chi non ha la patente o l'assicurazione. E se l'omicida si dà alla fuga, la pena sale da un terzo a due terzi e non sarà inferiore ai cinque anni; sette anni invece per lesioni gravissime. Approfondisci

Valentina Ceccarelli
Classe '78, romana e romanista doc. Laureata in Giurisprudenza, è a Cittadinanzattiva dal 2009. Impegnata nella tutela dei diritti dei cittadini, è consulente del Pit Unico e si occupa delle tematiche di Giustizia per la newsletter. Appassionata di libri, cucina e danza orientale, è convinta che il mondo non si possa cambiare restando seduti.

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.