anticorruzione

È stato bocciato dal Tar del Lazio il ricorso di alcuni Consigli dell’Ordine Forense contro le delibere n. 144/2014 e 145/2014 dell'Anac, l'Autorità nazionale anti-corruzione, con le quali venivano applicati gli obblighi di trasparenza previsti dalla Legge Severino anche agli Ordini professionali. Ma da queste disposizioni non si sfugge: la recente sentenza del Tribunale amministrativo regionale (n. 1391 del 24 settembre 2015) ha infatti stabilito che anche questi organismi devono adeguarsi in tutto e per tutto alle norme sulla trasparenza e sulla prevenzione della corruzione.

Si tratta di enti pubblici non economici e pertanto tenuti a predisporre un piano triennale di prevenzione, nominare un responsabile anti-corruzione e rispettare le regole di incompatibilità e inconferibilità degli incarichi. Approfondisci la notizia

Valentina Ceccarelli
Classe '78, romana e romanista doc. Laureata in Giurisprudenza, è a Cittadinanzattiva dal 2009. Impegnata nella tutela dei diritti dei cittadini, è consulente del Pit Unico e si occupa delle tematiche di Giustizia per la newsletter. Appassionata di libri, cucina e danza orientale, è convinta che il mondo non si possa cambiare restando seduti.

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.