La scadenza è imminente, eppure non pochi sono i dubbi e le criticità legate al passaggio verso il nuovo processo di informatizzazione del Servizio Giustizia. In realtà, la situazione appare “a macchia di leopardo”, non solo per i ritardi da parte dell’amministrazione nel completamento dei lavori nelle varie sedi, ma anche dalle notevoli pratiche burocratiche che dovranno essere poste in essere da uffici giudiziari e professionisti ai fini del buon esito delle nuove procedure. Leggi tutto

Valentina Ceccarelli
Classe '78, romana e romanista doc. Laureata in Giurisprudenza, è a Cittadinanzattiva dal 2009. Impegnata nella tutela dei diritti dei cittadini, è consulente del Pit Unico e si occupa delle tematiche di Giustizia per la newsletter. Appassionata di libri, cucina e danza orientale, è convinta che il mondo non si possa cambiare restando seduti.

Condividi

Potrebbe interessarti