legittima difesa

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha promulgato la legge recante modifiche al Codice penale in materia di legittima difesa. Ma, contestualmente, il Capo dello Stato ha scritto una lettera indirizzata ai Presidenti di Camera e Senato, nonché al Presidente del Consiglio, in cui sono contenute una serie di “osservazioni” che da un lato smontano l’impianto ideologico della legge e dall’altro ne evidenziano alcuni profili di incostituzionalità.

La lettera può essere considerata una sorta di “accompagnatoria” alla promulgazione di una legge - un fatto raro e non previsto dalle regole sul procedimento legislativo - che ne detta l’interpretazione autentica o, meglio, ne stigmatizza in anticipo l’interpretazione incompatibile con le norme costituzionali. Approfondisci su www.quotidiano.net e scarica la sintesi delle osservazioni del Presidente Mattarella

Valentina Ceccarelli
Classe '78, romana e romanista doc. Laureata in Giurisprudenza, è a Cittadinanzattiva dal 2009. Impegnata nella tutela dei diritti dei cittadini, è consulente del Pit Unico e si occupa delle tematiche di Giustizia per la newsletter. Appassionata di libri, cucina e danza orientale, è convinta che il mondo non si possa cambiare restando seduti.

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.