Si è concluso il progetto “Una scarica per ripartire”, che ha impegnato per due anni consecutivi il TDM di San Cataldo, l’Associazione “Cuore chiaro” di Caltanissetta ed il GIEC di Palermo.
Il Progetto è stato rivolto a tutte le scuole di S. Cataldo nonché a 79 ospiti della Casa Circondariale. Ad essi è stata fornita informazione e formazione sui corretti stili di vita per prevenire la malattie cardiovascolari e sulle tecniche di rianimazione cardiopolmonare, condotte con l’ausilio di manichini. Inoltre tre docenti/operatori di ogni Istituto scolastico sono stati formati nell'uso del defibrillatore e hanno ricevuto il “patentino”  BLSD. Infine, ad ogni scuola è stato donato un defibrillatore semiautomatico con un manichino gonfiabile e DVD.
Il tutto è stato possibile  grazie al contributo della BCC “G. Toniolo ” di S. Cataldo.

Redazione Online
Siamo noi, quelli che ogni giorno scovano e scrivono forsennatamente notizie di diritti e partecipazione. Non solo le nostre, perché la cittadinanza attiva è bella perché è varia. Età media: 33 anni, provenienza disparata....

Condividi

Potrebbe interessarti

Stai parlando con SUSI
Realizzato nell'ambito del progetto Consapevolmente consumatore, ugualmente cittadino, finanziato dal Ministero dello sviluppo economico (DM 7 febbraio 2018)

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.