Numerosi i casi di utenti che ad oggi non hanno ancora ricevuto l’addebito in bolletta per il pagamento del canone.  In particolare si tratta principalmente dei soggetti non connessi con la rete di trasmissione nazionale, coloro che non hanno pagato il Canone perché nessuno dei componenti della famiglia è titolare di contratto di fornitura elettrica e coloro che sono entrati in possesso di una tv nel corso del 2016.

Ma molti non sono a conoscenza che il pagamento dell’imposta deve avvenire  entro il 31 ottobre anche nei casi in cui non sia stata inserita nella bolletta elettrica e che dovrà quindi essere pagata dall’utente in maniera autonoma. In quest’ultimo caso, chi non dovesse aver ricevuto la bolletta comprensiva di canone radiotelevisivo dovrà regolarizzare il conto pagando la quota tramite modello F24 utilizzando il codice tributo TVRI in caso di rinnovo di abbonamento, pagando l’intera quota di € 100 e TVNA in caso di nuovo abbonamento per un importo calcolato secondo le indicazioni contenute nella circolare n. 29/E del 21 giugno 2016 dell’Agenzia delle Entrate.
 Il pagamento del modello F24 potrà essere effettuato presso qualsiasi concessionario abilitato, nelle banche e negli uffici postali.

Cittadinanzattiva  insieme a Federazione Confconsumatori – ACP e Movimento Consumatori continuano a fornire tutte le informazioni utili attraverso gli strumenti attivati nell’ambito del progetto Luce sul canone.

Per maggiori informazioni e per trovare lo sportello più vicino consultare la pagine Luce sul canone 

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.