illiad

L’operatore “low cost” francese da qualche giorno è sbarcato nel mercato italiano della telefonia mobile con un’offerta molto conveniente per effettuare chiamate illimitate e navigare in internet. Al primo milione di utenti che attiverà la tariffa “per sempre” a 5,99 euro mensili infatti, Iliad dichiara di offrire 30 giga di dati in 4G+, minuti e sms illimitati, oltre a minuti illimitati verso oltre 60 destinazioni internazionali indicate sul sito dell’operatore. In più quando si è all’interno dell’UE si avranno a disposizione sms e minuti illimitati, e 2 GB, insomma, un “premio” per fidelizzare i consumatori che avranno fiducia in Iliad! La compagnia francese con questo piano tariffario farà concorrenza agli altri operatori di telefonia mobile almeno per il primo milione di clienti che riuscirà ad attivarlo. Oltre alla convenienza della tariffa Iliad mira a fare massima trasparenza sui costi e servizi spesso occulti, addebitati in modo inconsapevole ai consumatori, ecco perché l’offerta ricomprende nei 5,99 euro mensili anche diversi servizi accessori tra cui la segreteria telefonica, il controllo consumi, il controllo del credito residuo, l’hotspot, il visualizza numero chiamante, etc. Se da una parte si può apprezzare la volontà di Iliad di fare “chiarezza” sui diritti dei consumatori, dall’altra non ci è chiaro quale sarà la tariffa che sarà applicata ai clienti “non inclusi nel primo milione di contratti”.

E ancora, non ci è chiaro come potrà essere garantita a pieno la connessione internet -sia in termini di accesso ai contenuti, che in termini di qualità del servizio erogato- essendo per il momento disponibile un IP francese e non avendo ancora piena autonomia infrastrutturale della rete. Sono diversi i cittadini che ci stanno contattando in questi giorni per avere maggiori informazioni e segnalare le prime anomalie in particolare legate a problemi di accesso a servizi e piattaforme di e-commerce e streaming. Qualche consumatore ci ha anche segnalato una scarsa trasparenza sui giga garantiti da Iliad “in Europa” che prima erano indicati sul sito della compagnia in 32 GB legati alla offerta commerciale del roaming UE e che ora sono indicati in soli 2 GB. L’informazione poco chiara ha generato confusione nei consumatori come anche si può apprendere dai principali media, motivo per cui Cittadinanzattiva ha attenzionato la questione alle Autorità preposte- Antitrust e Agcom- inoltrando una richiesta di chiarimenti per fare chiarezza sul tema e verificare che non vi siano state scorrettezze da parte della compagnia francese.

Chiediamo poi ai consumatori di continuare a inoltrarci segnalazioni e anomalie compilando il form.

Metà campana metà romana, poliedrica, e alla continua ricerca del bello nella fotografia e nell’arte attraverso i suoi quadri. Da 10 anni impegnata in Cittadinanzattiva, sempre in difesa e a tutela dei cittadini, in particolare per l’area consumatori e le politiche della conciliazione. Il suo motto è ”Il mondo non è di chi si alza presto la mattina, ma di chi si alza felice di iniziare una nuova giornata

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.