osservatorio poverta eu

L’Osservatorio Ue sulla povertà energetica, istituito dalla Commissione e presentato lunedì 29 gennaio, raccoglie i dati di tutti i Paesi europei relativi a diversi aspetti afferenti al tema della povertà energetica, problema che riguarda tutti gli Stati membri. L’obiettivo dell’EU Energy Poverty Observatory è quello di raccogliere dati, compararli e renderli disponibili creando una vera e propria piattaforma per governi e amministrazioni locali come “luogo” di confronto e condivisione con lo scopo di individuare e lavorare a soluzioni comuni.
L’Italia, secondo i dati dell’Osservatorio, registra risultati non soddisfacenti in molti degli indicatori, collocandosi in una fascia medio-bassa della classifica. Ventesimo posto su ventotto per quanto riguarda la capacità delle famiglie di poter riscaldare in modo adeguato la propria abitazione (il 14,6% delle famiglie italiane).

Bassa anche la percentuale (85,4%) delle case dotate di un riscaldamento sufficientemente efficiente a mantenere l'abitazione al caldo.
Il nostro Paese di colloca sul podio, negativo, al terzo posto per i più alti prezzi di elettricità e gas. L’elevato costo contribuisce a creare ritardi nei pagamenti delle bollette energetiche che interessano il 9,1% delle famiglie che nel corso degli ultimi 2 mesi si sono trovate in difficoltà nel rispettare le scadenze di pagamento.
I dati dell’Osservatorio Ue sono in linea con quanto denuncia Bankitalia secondo cui la povertà energetica riguarda 3,9 milioni di famiglie italiane.

Approfondisci

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.