radioattività

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità è la seconda causa di cancro ai polmoni dopo il fumo. In Italia si stima che sia all'origine di 1500-5500 casi di tumore ogni anno. Il radon, gas naturale radioattivo che risale dalle fenditure del suolo, rappresenta un "rischio geologico" concreto quanto i terremoti e le frane. Ma si può prevenire e neutralizzare con relativa facilità.

Il radon è un gas prodotto dal decadimento di alcuni elementi radioattivi presenti in natura nelle profondità del sottosuolo. Quando risale in superficie si disperde in atmosfera, ma può anche accumularsi in edifici e vani a diretto contatto o vicini al terreno. Le zone più soggette al rischio di concentrazione del gas sono quelle vulcaniche (di cui l'Italia è piena). Giovanni Odorico, geologo e presidente dell’Associazione Latium Volcano ci descrive le procedure, gli interventi e le tecniche per "bonificare" siti a rischio come edifici, scuole, capannoni e uffici pubblici.

APPROFONDISCI

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.