biometano trasporti

Venerdì 2 marzo il Ministero per lo Sviluppo Economico ha varato il decreto per la promozione dell’uso di biometano nel settore dei trasporti, con l’elargizione di agevolazioni per le imprese a forte consumo di gas naturale. L’Italia compie così un altro passo in avanti nella valorizzazione dei rifiuti organici provenienti dalla raccolta differenziata.

La buona notizia per lo sviluppo dell'economia circolare italiana arriva con un decreto che stanzia 4,7 miliardi di euro tra 2018 e 2022 destinati alla filiera di produzione del biometano dalla raccolta dell'umido. Soddisfatto il Consorzio Italiano Compostatori, che commenta: "L'Italia può giocare un ruolo di primo piano in Europa per la produzione di carburanti sostenibili". Le aziende potranno d'ora in poi produrre e commercializzare il biometano, fonti di carburante non del tutto a impatto zero ma infinitamente meno inquinante di benzine e diesel. L'operazione aiuterà il Paese a raggiungere l’obiettivo del 10% del consumo di energie rinnovabili nel settore dei trasporti entro il 2020.

APPROFONDISCI

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.