farmaci

Caso
Buongiorno,vi scrivo per avere informazioni rispetto alla possibilità di acquistare all’estero un farmaco per la cura della mia patologia. Sono affetto da ipertensione arteriosa e spesso mi reco all’estero, prevalentemente in Germania, per lunghi periodi a causa del mio lavoro. È capitato più volte che mi dimenticassi le scorte del farmaco o le esaurissi a causa della necessità di prolungare la mia permanenza all’estero di alcune settimane. È possibile acquistare all’estero il farmaco? Chi mi deve fare la prescrizione? Lo devo pagare il farmaco?

Risposta
Il D.lgs.38/2014 ha recepito la Direttiva 2011/24/UE e la Direttiva 2012/52/UEe prevede che le persone assistite dal Sistema sanitario di un Paese dell’Unione Europea possono ricevere cure, a carico delle istituzioni sanitarie competenti del proprio Stato, in tutti gli altri Paesi dell’Unione europea. Come regola generale le prescrizioni mediche rilasciate in un Paese UE, e redatte in conformità alla Direttiva 24/2011, diventano utilizzabili in tutti gli altri paesi UE. Le ricette rilasciate in Italiae redatte secondo le disposizioni del D.lgs.38/2014 quindi possono consentire l'acquisto di farmaci anche all'estero, con successivo rimborso delle spese. Anche in Italia si possono acquistare farmaci (di cui sia autorizzato il commercio) prescritti in altro Stato con unica eccezione di quelli soggetti a prescrizione speciale (medicine contenenti sostanze stupefacenti o psicotrope, vedi D.lgs.219/2006). Rimangono valide le regole riguardo alla sostituibilità del medicinale prescritto con quelli generici o di altro tipo e la possibilità per il farmacista di rifiutarsi di dispensare il farmaco per ragioni etiche.Per il rimborso delle spese le regole sono quelle valide per le prestazioni fruite all'estero: domanda alla ASL di residenza entro 60 giorni dall'utilizzo della ricetta allegando la prestazione medica e la fattura o ricevuta di pagamento, a cui segue rimborso entro ulteriori 60 giorni.Per  facilitare il riconoscimento della prescrizione in un altro Stato dell’Unione Europea, occorre verificare che la stessa contenga almeno i dati identificativi del paziente, la data di emissione della ricetta, i dati identificativi del professionista sanitario che rilascia la prescrizione e i dati identificativi del prodotto prescritto: il principio attivo, la denominazione commerciale (non obbligatoria), formulazione farmaceutica (compresse, soluzione, ecc.), quantità, dosaggio, secondo il disposto dell'articolo 1 della Direttiva CE n. 83 del 6 novembre 2001, posologia.

Rubrica realizzata grazie a "Rafforziamo la tutela!", il progetto è realizzato con il contributo non condizionante di Johnson & Johnson Medical SpA

Condividi

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.