foto sicurezza scuola

Giornata sicurezza delle scuole: all'Aquila un flash mob di 100 studenti abruzzesi per chiedere scuole nuove e sicure. Iniziative in tutta Italia

Si è tenuto stamattina all'Aquila, per la Giornata nazionale della sicurezza delle scuole, il flash mob di 100 studenti abruzzesi, promosso da Cittadinanzattiva, per chiedere scuole nuove e sicure per tutti gli studenti, a dieci anni dal terremoto dell'Aquila.
L'evento è organizzato all'interno del Festival della Partecipazione promosso da Cittadinanzattiva ed ActionAid e In collaborazione con Slow Food, in corso oggi e domani all'Aquila.
Al flash mob hanno partecipato studenti delle scuole medie di Guardiagrele, San Martino sulla Marrucina, Francavilla a mare, Casalincontrada,  Roseto degli Abruzzi e di Pizzoli

'Dal 2016 le scuole di Pizzoli sono inagibili ma per la costruzione del nuovo edificio i tempi sono ancora lunghi e i ragazzi continuano a studiare in moduli provvisori. I fondi ci sono ma le procedure burocratiche sono lunghe e  farraginose' ha affermato il sindaco di Pizzoli Giovannino Anastasio. 

 'La sicurezza non si affida alla fortuna'. 'È meglio preparati che spaventati' sono i due slogan che gli studenti hanno messo a punto per raccontare il loro percorso di attivismo e partecipazione per diventare Responsabili Per la Sicurezza degli Studenti. 

'Come dirigenti portiamo la responsabilità di quello che avviene dentro la scuola, sotto il profilo della sicurezza, ma non possiamo intervenire direttamente. Chiediamo per questo una revisione della legge 81 perché la scuola non può essere trattata come un qualsiasi luogo di lavoro', ha affermato Ivana Marroncelli, dirigente I. C. di Fara Filiorum Petri (Ch) 

 

In concomitanza della Giornata è stato realizzato un video tutorial “Prepariamoci” sul rischio alluvione disponibile su Youtube che segue quello realizzato lo scorso anno sul rischio sismico.

 

L’elenco delle iniziative in tutta Italia. 

 

 

 

 

 

 

Ufficio Stampa
Ufficio stampa e comunicazione di Cittadinanzattiva, e se no di chi? Scriviamo, parliamo, twittiamo e ci divertiamo. Se esageriamo, ditecelo!

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.