C 17 notizie 3651 immagineEvidenza

Non tutte le Regioni hanno rispettato la scadenza dello scorso 22 aprile per la predisposizione del Piano regionale di governo delle liste di attesa, strumento attraverso il quale far diventare operativo al livello locale il nuovo Piano Nazionale. A denunciarlo è Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato. “Da anni denunciamo il crescente fenomeno delle liste di attesa”, dichiara Antonio Gaudioso, segretario generale di Cittadinanzattiva, “e da anni attendevamo un nuovo Piano, a cui abbiamo contribuito attivamente, e che speriamo possa incidere positivamente sui diritti dei cittadini. E’ per questo che siamo molto preoccupati per il mancato rispetto della scadenza prevista, e chiediamo a tutte le Regioni di dare un segnale in questo senso, accelerando la realizzazione”.

“Chiediamo contemporaneamente al Ministero di accelerare le procedure per la effettiva assunzione del personale specialistico necessario affinché la macchina funzioni in modo fluido. In molte strutture, infatti, la mancanza di personale incide negativamente sulle attese, e in questo caso naturalmente anche il blocco delle attività intramoenia non potrà ottenere tutti i risultati desiderati”.

Cittadinanzattiva ha avviato in occasione della Giornata Europea dei diritti del malato dello scorso 18 aprile un monitoraggio continuo sulla predisposizione e adozione dei Piani regionali e del grado di coinvolgimento delle organizzazioni civiche, così come previsto dal Piano. Nelle prossime settimane pubblicheremo un quadro completo, comprensivo delle situazioni peggiori dal punto di vista delle attese per i cittadini”

Alessandro Cossu
Classe '71, napoletano di nascita, mancato romano di adozione. Laureato in economia, ha passato molto tempo a collezionare master in diverse discipline, ed è a Cittadinanzattiva dal 1997. Appassionato di cucina e di tecnologia applicata, è responsabile dell'ufficio comunicazione e stampa, e membro della Direzione Nazionale.

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.