Data di inizio del Laboratorio: 6 Marzo 2014
Scarica il programma

Cittadinanzattiva, per il periodo ottobre 2013 – giugno 2015, promuove "Laboratorio civico sulle politiche della salute", un'attività di empowerment rivolta a leader di organizzazioni di cittadini impegnati nel campo della tutela dei diritti in ambito sanitario, a partire dai leader del Tribunale per i Diritti del malato e del Coordinamento nazionale della associazioni dei malati cronici (CNAMC).

Cittadinanzattiva è, infatti, convinta che solo rafforzando le competenze dei leader delle organizzazioni civiche e, a cascata, l'efficacia e l'efficienza delle azioni delle organizzazioni di riferimento, si possa rispondere alla sfida che il contesto generale presenta alla cittadinanza attiva, cioè quella di far funzionare nuovi modelli di governance che la mancanza di risorse finanziarie e la crisi economica (v. sostenibilità) e la disponibilità e la richiesta di trattamenti innovativi e di cure personalizzate (v. innovazione e umanizzazione) rendono ormai necessari.

Emerge, in sostanza, una nuova domanda di partecipazione qualificata che sta impegnando Cittadinanzattiva nella progettazione di iniziative rivolte alle leadership civiche su diversi argomenti, nell'ambito delle quali Laboratorio intende essere una punta avanzata.

Le caratteristiche attuali del sistema, infatti, sfidano direttamente le organizzazioni che si occupano di tutela dei diritti in sanità su almeno due fronti. Il primo è quello relativo alla capacità di "stare dentro" alle innovazioni con competenza per vigilare sul fatto che non comportino un vulnus per i diritti, primi fra tutti quello dell'universalismo e dell'equità. Da un lato le organizzazioni devono maturare la consapevolezza che le innovazioni non necessariamente mettano in discussione i principi e i criteri sui quali il sistema sanitario si è retto fino ad oggi e che, quindi, difendere i diritti ed i LEA non significa difendere lo status quo; dall'altro, però, devono poter essere in grado di comprendere i meccanismi delle stesse innovazioni per poter valutare fino in fondo se si tratti di vera innovazione o taglio dei diritti e poterla quindi concordare e sostenere o denunciare.

Il secondo fronte su cui le organizzazioni vengono sfidate dal contesto è relativo alla loro capacità di intervenire: se, infatti, è sempre più evidente che c'è bisogno di una nuova governance del servizio sanitario, in cui i cittadini siano sempre più un elemento centrale e non un "oggetto" da guardare con distacco, per le organizzazioni la vera sfida è quella di aumentare le capacità di intervenire, di partecipare ai processi di programmazione e di verifica in una stagione di misure adottate con sempre maggiore celerità e sotto la pressione dell'urgenza.

Con Laboratorio civico sulle politiche della salute si intendono realizzare due edizioni di un percorso formativo (con momenti di didattica residenziale e momenti di formazione a distanza), rivolto per ciascuna edizione a 30 leader civici di livello nazionale e/o regionale, che con la metodologia del laboratorio ponga al centro il tema del rapporto tra innovazione, tutela dei diritti ed effettività dei meccanismi di governance.

Tre i blocchi tematici su cui si insisterà:

  • innovazione dei sistemi di welfare e tutela dei diritti
  • innovazione e organizzazione del sistema di cura e assistenza
  • innovazione e management dell'azione civica.

L'attività è realizzata grazie alla collaborazione con IAPG - Italian American Pharmaceutical Group.


Per informazioni rivolgersi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Con il sostegno non condizionato di:

abb-vie allergam logo amgen logo

bristol-myers-2014 

 

celgene logo

 

 

gehc meatball logo 

gilead logo

msd pfizer logo
sanofi pasteur logo    

 

 

Daniela Mondatore

Condividi

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.