L'integrazione si fa nel cortile, però rimesso a nuovo, grazie al lavoro congiunto di studenti, famiglie ed insegnanti. Succede nella scuola Sabin di corso Vercelli 157 a Torino, dove, su 613 studenti frequentanti, ben 406 sono figli di genitori stranieri.

"Si è lavorato sul verde e sul cibo, sull'arte e sul gioco", spiega l'archietetto Valeria Cottino, scoprendo ad esempio che le donne nordafricane, spesso velate, hanno una sorprendente vitalità "che si traduce in canti e balli, come se fosse uno spazio di libertà, nella scuola dei figli".

Dopo i laboratori fatti da Artenfant, Philosophy Kitchen, Save the Children e Teatro Sequenza, dopo le merende, l'orto e le feste in cortile, ecco la fase due: il rifacimento della pavimentazione e dell'anfiteatro, l'arrivo degli arredi, la costruzione collettiva delle sagome dei dinosauri.

Leggi tutto sull'edizione torinese di Repubblica.

Aurora Avenoso
Lucana, classe '73, master in comunicazione e relazioni pubbliche. Il meglio lo sto imparando con i miei figli, Greta e Giacomo. Per Cittadinanzattiva mi occupo di ufficio stampa e comunicazione. "Non dubitare mai che un gruppo di cittadini coscienziosi ed impegnati possa cambiare il mondo. In verità è l'unica cosa che è sempre accaduta" (Margaret Mead)

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.