Processo Thyssen

Nell'incendio dello stabilimento di Torino, che scoppiò nella notte tra il 5 e il 6 dicembre del 2007, morirono sette operai: si aprì un interminabile iter giudiziario durato ben otto anni e mezzo tra sentenze e marce indietro. Finalmente lo scorso 13 maggio la Corte di Cassazione si è pronunciata definitivamente sulla vicenda confermando le pene lievemente ridotte nell'appello bis.

La Suprema Corte ha così chiuso la storia giudiziaria del caso Thyssen e qualche giorno fa sono state rese pubbliche le motivazioni della sentenza: secondo i giudici è stata una “colpa imponente” quella dell’ex amministratore delegato e degli altri dirigenti del gruppo siderurgico, per la totale e consapevole mancanza di adeguate misure di sicurezza, che ha determinato all’interno dello stabilimento di Torino una situazione di attuale e latente pericolo per la vita e per l'integrità fisica dei lavoratori.

Leggi di più

Valentina Ceccarelli
Classe '78, romana e romanista doc. Laureata in Giurisprudenza, è a Cittadinanzattiva dal 2009. Impegnata nella tutela dei diritti dei cittadini, è consulente del Pit Unico e si occupa delle tematiche di Giustizia per la newsletter. Appassionata di libri, cucina e danza orientale, è convinta che il mondo non si possa cambiare restando seduti.

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.