striscione amianto 2015 02 27

I giudici di terzo grado hanno stabilito che il processo per i morti di amianto era prescritto prima ancora di cominciare, e l’accusa avrebbe dovuto contestare non il disastro ma l’omicidio e le lesioni. Nessun risarcimento dunque per le vittime del disastro ambientale: ma è una sentenza che lascia speranza, perché ammette la possibilità di procedere per omicidio. Leggi di più

Valentina Ceccarelli
Classe '78, romana e romanista doc. Laureata in Giurisprudenza, è a Cittadinanzattiva dal 2009. Impegnata nella tutela dei diritti dei cittadini, è consulente del Pit Unico e si occupa delle tematiche di Giustizia per la newsletter. Appassionata di libri, cucina e danza orientale, è convinta che il mondo non si possa cambiare restando seduti.

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.