anniversario dei Trattati di Roma i leader UE rinnovano il proprio impegno

In occasione della celebrazione dei 60 anni dalla firma dei Trattati di Roma, i 27 capi di Stato e di Governo riunitisi per le celebrazioni hanno firmato la dichiarazione di Roma, con cui si impegnano a rimanere uniti per essere più forti e ad adoperarsi per realizzare:

1. Un'Europa sicura, dove i cittadini si sentano sicuri e possano spostarsi liberamente, in cui le frontiere esterne siano protette, con una politica migratoria efficace, responsabile e sostenibile, nel rispetto delle norme internazionali; un'Europa determinata a combattere il terrorismo e la criminalità organizzata;

2. Un'Europa prospera e sostenibile, che generi crescita sostenuta e sostenibile e occupazione da un lato e un mercato unico forte, connesso e in espansione, che faccia proprie le evoluzioni tecnologiche;

3. Un'Europa sociale, che, sulla base di una crescita sostenibile, favorisca il progresso economico e sociale, nonché la coesione e la convergenza, difendendo nel contempo l'integrità del mercato interno e le diversità dei sistemi nazionali e del ruolo fondamentale delle parti sociali; un'Unione che promuova la parità tra donne e uomini e diritti e pari opportunità per tutti, che lotti contro la disoccupazione, la discriminazione, l'esclusione sociale e la povertà. Un'Unione in cui i giovani ricevano l'istruzione e la formazione migliori e possano studiare e trovare un lavoro in tutto il continente;

4. Un'Europa più forte sulla scena mondiale[/b]: un'Unione che sviluppi ulteriormente i partenariati esistenti e al tempo stesso ne crei di nuovi e promuova la stabilità e la prosperità nel suo immediato vicinato a est e a sud, ma anche in Medio Oriente e in tutta l'Africa e nel mondo.

Leggi il testo integrale della Dichiarazione.

Classe ’87, di origine campana. Laurea in lingue e letterature straniere e master in marketing e strategia digitale. Appassionata di viaggi, libri e (buona) cucina, a Cittadinanzattiva lavora nella rete europea, Active Citizenship Network.

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.