Europa

Il Parlamento Europeo ha da poco approvato la direttiva sul permesso unico di lavoro, che stabilisce una procedura comune a tutti i paesi dell'Ue per l'ottenimento, da parte dei cittadini extracomunitari privi di permessi a lungo termine, di un permesso di soggiorno e di lavoro. La proposta si applica ai cittadini di paesi terzi che desiderano essere ammessi nel territorio di uno Stato membro per soggiornarvi e lavorare, e a quelli che vi soggiornano già e hanno ottenuto il diritto di lavorare. Per saperne di più

La UE riprende il vecchio stivale per non aver ancora integrato a dovere la nuova direttiva sulle etichette energetiche che ne promuova l'efficienza e sensibilizzi i consumatori. Fornendo ai consumatori informazioni comparative sul consumo energetico dei prodotti che acquistano, l’etichetta energetica li aiuta a prendere decisioni che consentono loro di risparmiare energia e denaro e incoraggia i produttori a sviluppare prodotti caratterizzati da un buon grado di efficienza energetica. Approfondisci

La Commissione Europea sta rivedendo le politiche comunitarie sul consumo e sulla produzione considerando che entro il 2050 la popolazione mondiale dovrebbe raggiungere i 9 miliardi di abitanti con un aumento del 70% della domanda di alimenti, mangimi e fibre. Le economie dovranno impiegare le risorse naturali in modo molto più efficiente e il modo in cui si consuma diventerà la chiave del successo o del fallimento dell’Europa. Modelli più sostenibili di consumo dovranno essere adottati dunque da tutti i cittadini europei. Leggi la tabella di marcia per un' Europa efficiente sotto il profilo delle risorse.

Un piano di ricerca e sviluppo sullo smaltimento finale dei rifiuti radioattivi: è questo il tema al centro della consultazione in corso aperta a tutti i cittadini europei, fino al 13 febbraio prossimo. L'obiettivo è quello di realizzare il primo deposito geologico per rifiuti radioattivi pericolosi, operativo in Europa entro il 2025. Questo genere di scorie provenienti dai reattori nucleari, riferisce la Commissione europea, deve essere seppellito sotto il terreno per proteggere l'ambiente e garantire la salute e la sicurezza dei cittadini. Leggi la direttiva

Opportunità di impego, informazioni sui tirocini, attività del Parlamento e partecipazione a dibattiti online su argomenti di attualità dell'Unione Europea. Questi alcuni dei servizi di informazione offerti ai cittadini. Visita e trova le informazioni che più ti interessano nella tua lingua.

Per rendere più accessibili le norme di tutela dei consumatori e dei pazienti ai non vedenti e agli ipovedenti, la S.O.S. Poprad, un'organizzazione slovacca che difende i diritti dei cittadini, pazienti e consumatori, ha pubblicato il primo dizionario interamente in Braille sulla tutela dei consumatori. Per saperne di più visitate il sito

Uno studio condotto da 5 paesi europei svela come dopo 50 anni dall'introduzione della pillola, solo il 2% delle donne nella UE sa come funziona veramente. Colpa dei pregiudizi e della scarsa informazione, ben tre intervistate su 4 dichiarano di necessitare maggiori informazioni su questo farmaco. Il timore più diffuso è che la pillola possa essere dannosa per la salute, mentre numerose evidenze scientifiche indicano l'esatto contrario. Approfondisci

Sostenibilità e green economy le nuove parole d'ordine della Commissione Europea. L'UE mira alto: ridurre dell'80-95% le emissioni di CO2 entro il 2050. Ogni euro speso per l'efficienza energetica andrà in occupazione e sarà un investimento per il futuro dell'Europa, quelli spesi per importare il petrolio invece andranno fuori dall'Ue. Approfondisci

Erasmus, il programma di scambi di studenti di maggiore successo al mondo, celebra quest'anno il 25° anniversario. Dal 1987, ben tre milioni di studenti ne hanno beneficiato. Gli scambi Erasmus consentono agli studenti di migliorare le proprie conoscenze delle lingue straniere, di sviluppare la propria adattabilità e di migliorare le proprie prospettive occupazionali. Leggi l'articolo

Stimolare il desiderio dei giovani europei di diventare cittadini attivi, informandoli sul significato e sulle pratiche concrete del volontariato attraverso l’esperienza diretta delle associazioni civiche e di volontariato. Questo l'obiettivo del progetto “Future Active Citizens: volunteering as an exercise of democracy”. Approfondisci e guarda il video promozionale su Youtube

Condividi