Europa

Immersi nei social media più che mai, tra Facebook, Twitter e chi più ne ha più ne metta, i cittadini europei risultano comunque i più preoccupati per la loro privacy. Ecco alcuni dati utili frutto di recenti sondaggi della UE. Leggi tutto

I numeri parlano chiaro: il vecchio continente ne può accettare solo 4.500 ogni anno, ma i profughi che avrebebro bisogno di accoglienza sono ben 200.000. Il Parlamento Europeo studia un nuovo programma in cui i bambini e le donne saranno i più tutelati. Approfondisci

La commissione ha adottato "una strategia per un'economia competitiva a basse emissioni di CO2 entro il 2050". L'obiettivo è quello di ridurre le emissioni CO2 dell'80% entro il 2050. Se le scadenze verranno rispettate, alcuni Stati membri - in particolare la Polonia - temono che le loro industrie verranno delocalizzate. Approfondisci

Il 90% del cacao mondiale è coltivato da circa 5,5 milioni di piccoli proprietari e oltre 14 milioni di agricoltori dipendono direttamente dalla sua produzione. Molti lavoratori vivono sul cacao, specialmente nei paesi meno sviluppati. Infatti il 70% della sua produzione è concentrata in Africa, il 13% in America del Sud e un altro 13% in Asia e Oceania. Il cacao è quindi un prodotto molto importante per lo sviluppo e la crescita delle regioni meno ricche. Leggi tutta l'inchiesta sui numeri del cacao in Europa.

Questo l'obiettivo 2014-2020 della UE per affrontare meglio la crisi economica e l'invecchiamento demografico, due dei fattori chiave che più caratterizzano il vecchio continente. Il primo passo verso un consumo più consapevole deve partire in primis dalle aziende. Saranno infatti notevolmente favorite le imprese giovanili e l'e-shop con uno sguardo particolare al rapporto prezzo-qualità. Per saperne di più sul programma d'azione 2014-2020 visita il sito

Pedalare 5 km al giorno ci farebbe raggiungere il 50% dell'obiettivo del 2050. Senza contare i benefici sulla salute e sul nostro portafoglio. La Federazione Europea Ciclisti pubblica uno studio interessante: emissioni bassissime, bike sharing, diminuzione di traffico e smog e tanto altro dimostrano come l'Europa possa cambiare in meglio. Approfondisci

Giro di vite del Parlamento Europeo in materia di farmaci. Per i generici i tempi passerebbero dai 180 giorni attuali ai 30, ossia 15 giorni per fissare i prezzi del prodotto e altri 15 per decidere se inserirli nel sistema mutualistico. Per il prodotto originale invece, da 180 giorni si scenderebbe a 120, salvo per casi complessi. Senza contare che oggi spesso neppure i 180 giorni vengono rispettati: si va - dicono gli esperti - dai 250 per i generici fino a punte di 700 giorni per un farmaco originale. Approfondisci

L'Unione Europea ha deciso di fissare per il 2 marzo la Giornata della Parità Retributiva. La data è del tutto simbolica; come emerso da recenti indagini infatti, all'interno del vecchio continente per raggiungere lo stipendio annuale degli uomini, le donne devono lavorare 14 mesi, ovvero sino al 2 marzo! Per saperne di più sull'argomento

Si tratta di un nuovo strumento transnazionale che, promosso dall’Unione Europea, diventera’ efficace a partire dal 1 Aprile 2012, segnando un nuovo traguardo nella storia della democrazia partecipatoria in Europa. La ECI è, infatti, uno strumento senza precedenti che mira a coinvolgere direttamente tutti i cittadini degli Stati membri nell’attività politica dell’Unione Europea. Con questo strumento i cittadini possono sottoporre all’attenzione diretta della Commissione Europea una particolare problematica e richiedere un intervento da parte delle autorità in merito. Approfondisci

Bruxelles vuole rendere strategiche le risorse naturali della terra e del mare, ma anche i rifiuti dei cittadini europei, riducendo l' impatto sull'ambiente e trasformandoli in crescita e occupazione. L'obiettivo ultimo: alleggerire il bilancio delle famiglie, riducendo il costo dell'energia e dei trasporti nella borsa della spesa. E' la 'bioeconomia' che in Europa vanta già un fatturato di circa 2.000 miliardi di euro, impiegando oltre 22 milioni di persone, il 9% dell'occupazione complessiva dell'Ue. Leggi di più

Condividi