Il dissesto idrogeologico nazionale e le sue contraddizioni reference

Secondo dati ISPRA del 2010, 7.145 comuni italiani (l’88,3% del totale) è interessato da qualche elemento di pericolosità territoriale; tra questi il 20,3% (1.640 comuni) presentano aree ad elevato (P3) o molto elevato (P4) rischio frana, il 19,9% (1.607 comuni) presentano aree soggette a pericolosità idraulica (P2) mentre il 43,2% (3.893) presentano un mix dei rischi potenziali (P2, P3, P4).

Le difficoltà in merito alla risoluzione del problema sono infinite e molto probabilmente, a meno di una profonda riforma del sistema di gestione territoriale nazionale, lo stato non potrà far fronte all’aleatorietà fisica del territorio. APPROFONDISCI

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.