disponibile copy copy

Venerdì 11 novembre il Comune di Ferrara ospiterà un tavolo nazionale sul tema del riuso di spazi e beni inutilizzati, prevedendo un affondo specifico sul quadro normativo e sui modelli di intervento praticabili.

L’incontro si inserisce all’interno di un processo coordinato e sviluppato da Cittadinanzattiva insieme a una rete di realtà nazionali, e diventa un momento formativo all’interno del processo partecipativo “Officina dei Saperi” finanziato dalla Regione Emilia-Romagna e sviluppato da éFerrara Urban Center per un effettivo coinvolgimento dei cittadini singoli e associati nel governo dei beni comuni.

L’incontro è a cura di Cittadinanzattiva,  e vede coinvolte alcune realtà nazionali quali: Urban Center Bologna, Planimetrie Culturali, Temporiuso, Consorzio Factory Grisù, Consorzio Wunderkammer, Città della Cultura|Cultura della città, Cascina Roccafranca, Fondazione Fondaca,…

L’organizzazione della giornata prevede la divisione dei partecipanti in due gruppi di lavoro. La prima fase dei lavori, che partirà alle ore 10.45 e terminerà intorno alle 13.30, si concentrerà sui provvedimenti normativi a partire da un caso concreto di riuso, dopo la pausa pranzo, riprenderà il workshop e ci si concentrerà su possibili modelli territoriali. Il termine dell’incontro è previsto intorno alle 16.30 con la restituzione in plenaria dei gruppi e le conclusioni a cura di Cittadinanzattiva.

A coordinare l’iniziativa sarà Cittadinanzattiva, che ha curato il precedete incontro “Il recupero dei beni pubblici inutilizzati e la valorizzazione del territorio: l’art.24 come opportunità per una gestione partecipata attraverso la sussidiarietà circolare” tenutosi lo scorso 5 aprile a Roma.

Clicca qui per scaricare il report del precedente workshop “Il recupero dei beni pubblici inutilizzati e la valorizzazione del territorio: l’art.24 come opportunità per una gestione partecipata attraverso la sussidiarietà circolare


Dalle 10.45 alle 16.30
presso la Sala Alfonso I D’Este – Castello Estense, Largo Castello n.1

 

Valentina Condò
Classe '80, romana di nascita, umbra nel cuore, ha una laurea in Scienze Politiche e una passione smodata per la montagna, lo stile shabby chic, la cucina, i libri e il cinema. Chiamata dai colleghi "la stalker" per la propensione a scavare la pietra come una goccia. In altre parole, una rompiscatole. Per Cittadinanzattiva si occupa di relazioni istituzionali.

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.