Attivismo Civico

Torna Il Festival della Partecipazione, quest'anno alla sua terza edizione. SI tratta di  un luogo aperto a cittadini, alle comunità degli aquilani e degli abruzzesi, a organizzazioni ed esperienze di attivismo civico, a interlocutori e partner pubblici e privati della partecipazione civica, ai media tradizionali e ai nuovi media, al mondo della ricerca, della cultura e dell’arte. 

STD SCUOLA RIiuso Giusto

L’Italia è disseminata di beni pubblici e privati inutilizzati, luoghi che raccontano storie di persone e di attività, manufatti che hanno immagazzinato l’energia necessaria alla loro costruzione e che potrebbero essere riutilizzati.

La Scuola di Riuso - un’iniziativa di Cittadinanzattiva in collaborazione con l’associazione di promozione sociale YOUrbanMOB e l’impresa sociale Aniti - nasce per fornire gli strumenti operativi a cittadini, tecnici e amministratori per riusare tali spazi, per impiantare attività produttive, per svolgere servizi rivolti alla comunità, attraverso un percorso formativo fondato principalmente sulla trasmissione di esperienze,  e organizzato per fornire strumenti sulle modalità di individuazione, richiesta, adattamento e gestione del non utilizzato attraverso processi socialmente partecipati ed economicamente sostenibili. 

fdp

Un luogo di idee e confronti: una piattaforma per contribuire alla trasformazione del paese attraverso il ruolo attivo e la partecipazione dei cittadini e la tutela dei loro diritti. E' questo il senso del Festival della Partecipazione, promosso da  ActionAid e Cittadinanzattiva con il contributo di SlowFood. Giunto alla sua terza edizione, si svolgerà all'Aquila dall'11 al 14 ottobre. Per quattro giorni la città sarà invasa da più di 50 incontri, confronti, laboratori, conferenze che racconteranno l’Italia e le forme che sta assumendo, i suoi quesiti e il suo futuro da una prospettiva unica: la partecipazione attiva dei cittadini. I momenti più istituzionali e convegnistici, saranno affiancati da concerti, presentazioni di libri, spettacoli teatrali: fra questi in programma Michela Murgia, Marco Damilano, Ascanio Celestini, Dente, Colapesce e molti altri.

fuoriposto

Il 15 giugno 2018 presso lo spazio Wegil si chiude la quinta edizione di FUORIPOSTO. FESTIVAL DI TEATRI AL LIMITE con installazioni multimediali interattive, teatro, danza, realtà virtuale, videoproiezioni, videomapping, mostra fotografica e performance site specific per raccontare storie che fanno la “differenza”. 
 
Storie FUORI POSTO quindi, interpretate da diversi linguaggi artistici, storie che escono dal privato delle mura domestiche e che attraverso l’arte contemporanea si mettono in mostra e raccontano la loro quotidianità nello splendido spazio espositivo Wegil, hub culturale riaperto dalla Regione Lazio e gestito da Laziocrea.

festival tiribalto

Raccontare la disabilità fuori dagli stereotipi. È la scommessa di Ti Ribalto, il Festival delle arti in programma dall’8 al 10 giugno presso il nuovo Teatro Bruno Munari di Milano, per la prima volta sede della rassegna ideata e curata dalla Piccola Accademia della Cooperativa sociale Cascina Biblioteca.

Più di 80 attori disabili e 40 volontari, tra operatori, educatori e semplici cittadini, sono i protagonisti dei 10 spettacoli in cartellone, che quest’anno arricchisce il suo ventaglio di proposte con una serie di attività pomeridiane pensate per coinvolgere maggiormente il pubblico:proiezioni, laboratori, lezioni aperte e una tavola rotonda organizzata in collaborazione con il Teatro del Buratto.

bandoperfdp2018

A ottobre 2018 torna il Festival della Partecipazione. Nell'era dell'incertezza che può suscitare sogni o generare incubi, pensiamo che la soluzione sia la partecipazione attiva dei cittadini.

Ti piacerebbe organizzare un evento al Festival? Hai un'idea interessante?

Partecipa al bando aperto fino al 15 giugno!  Le 5 proposte migliori entreranno nel programma.

1 h9GSruuRrvYN5LF8WdvaGA

La vita di Bari è stata un pezzo cruciale e significativo delle contraddizioni più vive e dei terribili conflitti che ci furono in Italia tra gli anni Sessanta e i Settanta.

Per questo si deve dire che non fu storia separata e minore, quella della sinistra studentesca contestatrice e del Partito comunista che cercò qui di accoglierne le spinte. La rivisitazione del rapporto Pci-movimento studentesco dà luce così a due nodi storici che ancor oggi ci interrogano: quali furono il ruolo e il peso  della contestazione giovanile del ’68 nelle società del tempo? E quale era il cambiamento richiesto anche al Pci fin dagli anni Settanta, e mancato da quella forza?

jMamma mi leggi una storia

Secondo gli ultimi dati forniti dall’Ispettorato nazionale del lavoro le neomamme che si sono licenziate sono state più di 25 milaLa ragione principale sono le grandi difficoltà che incontrano le donne nel riuscire a lavorare e prendersi cura dei propri figli contemporaneamente. Tra i costi alti dei nidi, gli stipendi bassi e i nonni spesso ancora al lavoro diventa difficile la gestione del tempo per le neomamme.

A fotografare il Paese con gli occhi di delle donne lavoratrici è un dossier di Save the Children, pubblicato di recente,“Le Equilibriste. La maternità in Italia”, stila la classifica delle regioni italiane dove è più o meno facile essere madri, con le province autonome di Bolzano e Trento sul podio e la Campania fanalino di coda. Peggiora l'Emilia Romagna.

Prevenire e ridurre lo spreco alimentare attraverso una pianificazione più attenta dei pasti all’interno di mense ospedaliere, scolastiche e aziendali. Ognuna con le sue caratteristiche particolari ma con un obiettivo comune: quello di gestire meglio il cibo, di favorire la riduzione degli sprechi, donare o riusare le eccedenze, riciclare quello che non è stato possibile recuperare. Con questo intento il Ministero della Salute ha diffuso tre decaloghi per affrontare il tema dello spreco alimentare nella ristorazione ospedaliera, scolastica e aziendale.

000ebad3 800

Il Forum sulle Disuguaglianze e le Diversità partecipa al Festival dello Sviluppo Sostenibile promosso da ASviS: il 22 maggio a Roma si terrà il seminario “I numeri e i luoghi delle disuguaglianze” presso l’Istituto Sturzo, il 24 maggio il workshop “Migrazioni e accoglienza generativa nelle aree interne” a Chiusano D’Asti e il 4 giugno il seminario “Le disuguaglianze tra i mondi e nei mondi” presso la Camera di Commercio di Roma con la partecipazione del Prof. Branko Milanovic. Per accreditarsi agli eventi: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Condividi

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.