Notizie

tribunale minori

Presentato il Rapporto sullo stato dei sistemi giudiziari dell’Unione europea e per l’Italia la situazione non appare affatto rosea: vista dalle stanze della Commissione europea, la giustizia italiana si presenta con qualche miglioramento rispetto agli anni scorsi, ma con tante cose ancora da cambiare e sistemare. Italia non bocciata, ma sicuramente rimandata: ancora troppe le cause pendenti, pochi giudici in proporzione agli abitanti, processi troppo lunghi e tempi biblici soprattutto se paragonati agli altri Stati. Come risolvere questi problemi? L’UE si raccomanda: è necessario cambiare le leggi, c’è bisogno di buone riforme della giustizia.

 cas immigrazione

Vietare l'iscrizione all'anagrafe dei richiedenti asilo è incostituzionale: questa la pronuncia dei giudici della Corte Costituzionale che segue le numerose sentenze di Tribunale e Corte d'appello che in questi mesi hanno accolto ricorsi di immigrati ordinando ai Comuni di procedere alla loro iscrizione nelle liste anagrafiche. Finalmente è arrivato l’atteso verdetto della Consulta ad affermare che il primo decreto sicurezza, voluto dall'allora ministro dell'Interno Matteo Salvini, è incostituzionale per violazione dell'articolo 3 della Costituzione: dovrà dunque essere ripristinata l'iscrizione all'anagrafe per i richiedenti asilo che, negli ultimi due anni, sono stati privati di alcuni diritti costituzionalmente garantiti, a cominciare dalle cure sanitarie.

agcom telecomunicazioni

L'Agcom - Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ha pubblicato la Relazione Annuale 2020 sulle attività svolte e i programmi di lavoro. Visto il momento particolare, un allegato è appositamente dedicato all’emergenza epidemiologica Covid-19 che ha visto profondamente coinvolti i mercati sottoposti alla regolazione e vigilanza dell’Autorità.
Si evince come il settore delle comunicazioni abbia giocato un ruolo centrale nella gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19 dimostrandosi, ancora una volta, l’asse portante di ampi segmenti del sistema economico e sociale.
Cittadini e imprese infatti hanno fatto largo uso dei servizi di comunicazione elettronica per soddisfare le proprie esigenze lavorative, economiche e sociali. Consumatori e aziende hanno potuto approvvigionarsi di beni essenziali, nei limiti delle norme sulla sicurezza e nel rispetto delle misure di distanziamento sociale, utilizzando, ove possibile, l’e-commerce e altri servizi connessi.

concorrenza 2015 02 19 copy

L'AGCM - L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato - chiede alle due Camere e all'esecutivo di considerare il primo giorno del 2022 come data definitiva e non più rinviabile per porre fine al regime di tutela per famiglie e piccole imprese. Significa che da quel giorno tutti i clienti che oggi si trovano sotto la tutela dell'autorità di settore Arera (con tariffe stabilite ogni tre mesi, cui gli operatori devono attenersi) dovranno scegliersi un fornitore di energia sul libero mercato, sulla base della proposta più conveniente.
Peraltro, come ricordato dall’Autorità, infatti, le modalità con le quali le tutele di prezzo sono state assicurate in Italia, attribuendo - almeno per il settore elettrico - ai soli venditori integrati nella distribuzione la possibilità di offrire il servizio regolato, hanno contribuito a preservare nel tempo una struttura dei mercati della vendita caratterizzata da posizioni dominanti su base locale e da un elevato livello di concentrazione dell’offerta.

trasporti pubblici locali

L'ART - Autorità di regolazione dei trasporti - in collaborazione con DOXA S.p.A., ha svolto un’indagine demoscopica finalizzata all’acquisizione di informazioni relative sia all’utilizzo da parte degli utenti delle diverse modalità di trasporto (prima, durante e dopo l’emergenza sanitaria COVID-19), sia alle possibili misure di sicurezza in grado di stimolare l’utente finale ad un maggior uso dei mezzi di trasporto e favorire la ripresa degli spostamenti.
Riportiamo alcune conclusioni a cui è giunta l'indagine: il 37% degli intervistati ha dichiarato di aver cambiato i propri comportamenti di mobilità durante la c.d. Fase 2 rispetto a quella precedente l’emergenza sanitaria, registrando una generale contrazione degli spostamenti per tutte le modalità di trasporto, ad eccezione della mobilità sostenibile (ad es. spostamento a piedi, bicicletta, monopattino e scooter a noleggio/sharing) e di quella con autovettura; il 58% degli intervistati ha giudicato utile ricevere informazioni, in tempo reale, sulle caratteristiche dei mezzi di trasporto disponibili a supporto delle proprie scelte di mobilità.

Matteo, Emanuele, Jacopo e Pietro sono quattro diciottenni di Milano che hanno deciso di fare la loro parte per superare il gap nella didattica digitale, rigenerando dispositivi come tablet e pc e mettendoli a disposizione dei ragazzi che ne hanno bisogno.

Hanno in pratica messo a punto un sito che fa incontrare gratuitamente domanda e offerta di tablet o pc usati. "Vogliamo nel nostro piccolo aiutare il processo di digitalizzazione che in Italia - spiega Jacopo a Repubblica TV - è in ritardo. Dobbiamo ridurre il gap tra chi ha più e chi ha meno". E con convinzione dicono: "Anche se a settembre si tornerà a seguire le lezioni in presenza, la scuola non sarà più quella di prima". C'è da immaginare che sia anche una loro speranza...

salviamo api

I cittadini europei richiedono una politica agricola che salvi le api e gli agricoltori: un milione di firme affinché la Commissione Europea ed il Parlamento europeo diano risposte.
L'iniziativa "Salviamo api e agricoltori!" è sostenuta da un’Alleanza composta da una rete di oltre 140 ONG ambientali, organizzazioni di agricoltori e apicoltori, sindacati, fondazioni di beneficenza e istituzioni scientifiche distribuite in tutta l'Unione europea, che lavorano insieme per conciliare agricoltura, salute e biodiversità, perché la protezione delle persone, delle api e degli agricoltori vanno di pari passo.

monocolture

Sono le monoculture intensive di nocciole le protagoniste del reportage sulle pagine di Terra Nuova e del numero crescente di cittadini che desiderano un modello produttivo agricolo più rispettoso dell’ambiente.

L’analisi parte dalla Provincia di Viterbo che ospita il 30% dei noccioleti del Belpaese, dove però si sperimenta anche un’alternativa basata sull’agricoltura biologica e sul coinvolgimento di tutti gli attori locali all’interno di circuiti economici virtuosi: è l’obiettivo del “Biodistretto della Via Amerina e delle Forre” che, da quasi dieci anni, cerca di far valere le ragioni di un’agricoltura responsabile.

INFORMAP 800X450 01

 Quanto costano i servizi pubblici locali nella tua città?

A quali livelli di qualità hai diritto?

Cosa puoi fare per tutelarti in caso di disservizio o per segnalare un’inefficienza?

 Queste informazioni e altro ancora sono disponibili su INFORMAP – IL PORTALE DELL’INFORMAZIONE PER IL CONSUMATORE

liste d attesa copy

In questi mesi l’emergenza sanitaria scatenata dal COVID-19 ha messo a dura prova il nostro sistema sanitario nazionale, con un’inevitabile ricaduta su tutte quelle visite ambulatoriali e quegli interventi chirurgici, ritenuti “differibili”, in base alla classificazione fornita dal “Piano Nazionale di Governo delle Liste d’Attesa” e alle linee Guida emesse dal Ministero della Salute per la gestione delle urgenze anche durante la pandemia.

Da maggio però, con l’avvio della cosiddetta “Fase 3”, sono state emanate nuove “linee guida” per consentire la ripartenza, con le dovute precauzioni del caso, dell’ordinaria assistenza per tutti coloro che si sono visti rinviare prestazioni a causa del COVID, per i malati cronici e per coloro che devono effettuare delle visite e/o degli esami specialistici di approfondimento.

Condividi