Notizie

treni

Per una serie di guasti per lo più elettrici, verficatisi tra il 7 e l'8 settembre scorsi, il traffico ferroviario di diverse stazioni e tratte - Roma-Firenze, Torino Porta Nuova,  Roma-Napoli - ha subito significativi ritardi, in alcuni casi fino a 5 ore con ripercussioni su miglialia di passeggeri che hanno lamentato notevoli disagi. Il gruppo Ferrovie dello Stato in una nota fa il punto e si scusa per gli inconvenienti facendo presente che RFI e Trenitalia, si sono da subito attivate per assistere i viaggiatori e per risolvere le anomalie in essere. In particolare si legge nella nota di FS che tutti i passeggeri dei treni Trenitalia rimasti coinvolti nei ritardi sulla linea Direttissima Roma - Firenze lo scorso 7 settembre, conseguenza di un grave guasto alla linea elettrica tra Settebagni e Capena - avranno diritto a ricevere l'indennizzo a loro dovuto. Per ottenere gli indennizzi e i rimborsi previsti da Trenitalia, i viaggiatori potranno rivolgersi alle biglietterie, ai Freccia Club o ai canali online sul sito dell'azienda.

Anche i passeggeri dei treni Italo sono rimasti coinvolti nella due gorni dei ritardi, e in questi casi l'azienda del trasporto ferroviario tra i 60 minuti e i 119 minuti di ritardo in arrivo, riconosce automaticamente ai passeggeri un indennizzo del 25% del prezzo del biglietto, mentre con un ritardo in arrivo superiore ai 120 minuti, l'indennizzo è pari al 50%.

Prima sentenza sulle false recensioni

Per la prima volta in Italia e in Europa un Tribunale penale, quello di Lecce, ha dichiarato colpevole un cittadino che aveva pubblicato false recensioni su TripAdvisor utilizzando account di conti falsi di TripAdvisor. A seguito dell’invio da parte di un’impresa italiana di una e-mail di marketing alla Polizia Postale sono state avviate le indagini da cui è emerso quanto definito nella sentenza. La sentenza rappresenta quindi un precedente importante nell’azione di contrasto contro il fenomeno delle false recensioni on line.

Sì alla detrazione Irpef

Grazie alle previsioni contenute nella Legge di Bilancio 2018, quest'anno i cittadini potranno usufruire di uno sconto sugli abbonamenti del bus e della metro. Sarà possibile infatti detrarre le spese sostenute per l'acquisto di un abbonamento del trasporto pubblico. Più in particolare come riportato sul sito dell'Agenzia delle Entrate, si avrà diritto a una detrazione Irpef del 19% per le spese sostenute per l'acquisto degli abbonamenti ai servizi di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale, su un costo annuo massimo di 250 euro.

L'agevolazione riguarda sia le spese sostenute direttamente dal contribuente per l'acquisto di un abbonamento del trasporto pubblico, sia quelle affrontate per conto dei familiari fiscalmente a carico.

internet

Da questa mattina è on-line il nuovo sito internet di Cittadinanzattiva della Lombardia all’indirizzo www.cittadinanzattivalombardia.com .
Tante le novità come l’area riservata alle news e alle iniziative a cura delle sedi territoriali e della Segreteria regionale oltre allo spazio dedicato alle indagini civiche su tematiche vicine al Moìvimento.


Complimenti a tutti e buon lavoro

aulascuola

Con la riapertura delle scuole ritornano a galla i problemi delle strutture. Dall'ultimo Rapporto di Cittadinanzattiva che sarà presentato a Roma il prossimo 27 settembre emerge che solo un quarto delle regioni ha aderito al provvedimento per l'indagine diagnostica di solai e controsoffitti, l'agibilità igienico sanitaria è presente solo nel 36% delle scuole e la prevenzione incendi è certificata solo nel 34% .

Sulla mia pelle

Presentato al Festival di Venezia, in un clima di grande commozione, arriva al cinema e su Netflix dal 12 settembre “Sulla mia pelle”, il film che racconta gli ultimi sette giorni di vita del giovane Stefano Cucchi. Sono passati nove anni da quel 22 ottobre 2009, quando Stefano è deceduto ancora prima di essere processato, in circostanze che vedono mischiarsi e sovrapporsi violenza ottusa, negligenza, malasanità, malagiustizia, vigliaccheria e complicità. I familiari sono ancora alla ricerca della verità e continuano la loro battaglia nelle aule di giustizia dove Cittadinanzattiva è costituita parte civile al loro fianco. Con questo film, in qualche modo, si è voluto ridare vita ad un ragazzo che sarebbe dovuto tornare a casa il giorno dopo l'arresto, restituendogli un’anima e una dignità.

festivalumbria

Torna l'appuntamento della Festa Regionale di Cittadinanzattiva Umbria, giunta alla sua Terza edizione. Dal 7 al 9 di settembre a Passignano sul Trasimeno. Vari i momenti di confronto sui temi dell'attivismo civico e I beni comuni e la lotta alle disuguaglianze.

dati satellitari

Il Miur ha da poco firmato un accordo con Asi e CNR, l'obiettivo è avere entro un mese e mezzo i primi dati satellitari sugli edifici scolastici. Le scuole saranno letteramente fotografate attraverso il sistema Cosmo-Skymed in grado di misurare lo spostamento degli immobili al decimo di millimetro; si creerà così la prima mappatura satellitare degli edifici scolastici. Questo sistema, garantisce il Ministro Bussetti, potrà far partire verifiche e segnalazioni accellerando i tempi dei controlli e dei conseguenti interventi di adeguamento.

scuola

Mancano pochi giorni alla riapertura delle scuole, ma i dati sulle condizioni degli edifici scolastici non sono affatto confortanti. Solo il 5% delle scuole nel nostro Paese sono adeguate sismicamente, dato presente nell'ultimo rapporto di Cittadinanzattiva che sarà presentato il prossimo 27 settembre a Roma. Solo nel 29% del campione esaminato si sono effettuate le verifiche di vulnerabilità sismica, in alcune regioni la situazione è molto critica, come fanalino di coda la regione Calabria con il 2% e la Campania con il 4%. Il collaudo statico è presente solo in una scuola su due. La situazione così critica ha spinto il sindaco di Messina, Cateno De Luca ad emettere un'ordinanza e a chiudere 118 scuole del capoluogo ed altre 65 nella città metropolitana. Un provvedimento che ha scatenato vari interventi tra cui anche quello del Ministro Bussetti.

palazzogiustiziabari

Dopo la confermata inagibilità del palazzo di Giustizia a Bari e dopo le vicissitudini degli ultimi mesi che hanno costretto magistrati ed avvocati ad incontrarsi dentro le tendopoli poi sgomberate, finalmente il Ministero della Giustizia ha reso noto che è stata aggiudicata la gara per la locazione dell'immobile da destinare a sede degli uffici del tribunale e della procura della Repubblica di Bari. Ma i tempi non si prospettano brevi, considerato anche che la nuova sede - il palazzo della ex Telecom di Poggiofranco - è attualmente occupato e sarà libero a partire da novembre. inoltre, prima di procedere alla stipula del contratto di locazione, il Ministero dovrà effettuare i controlli tecnici sulla struttura e amministrativi sulla proprietà.

Condividi

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.