Notizie

formazione carcere copy copy

Da lunedì nove novembre i cittadini con Isee al di sotto dei 20mila euro potranno fare richiesta di un contributo per l'attivazione di connessioni veloci e contestualmente per l'acquisto di pc o tablet.
Nel contesto delle esigenze emerse a seguito dell’emergenza Covid-19, questo bonus è un intervento a sostegno e promozione della domanda di servizi di connettività per lo sviluppo delle infrastrutture di rete. Con ciò ci si propone di dare alle famiglie meno abbienti (fascia ISEE fino a 20.000 euro) prive del tutto di servizi di connettività (o con servizi di connettività inferiore a 30 Mbit/s) un sostegno sotto forma di voucher per il passaggio alla migliore connettività disponibile presso le rispettive abitazioni.

altrochescuola 2.0 2015 02 16

Il blog Genitore attivo riporta la denuncia del giovane Francesco che, dal balcone della sua casa di Roma nel quartiere Pisana del XII Municipio, assiste da 9 anni al degrado di una scuola d’infanzia i cui lavori iniziati nel 2011 non sono mai stati portati a termine.
"Mi chiamo Francesco Zanella ho 13 anni, frequento la terza media della scuola Villoresi di via della Pisana a Roma e sono un “cacciatore di aule” perché nella mia scuola le aule sono piccole, non possiamo distanziarci sufficientemente e dobbiamo stare sempre con la mascherina che è fastidiosa da portare così a lungo. La mia classe è stata anche in quarantena perché una mia compagna è stata ammalata di Coronavirus.

Come bambini e ragazzi possono diventare protagonisti di comportamenti adeguati e responsabili per contenere la pandemia e nello stesso tempo continuare a tessere le relazioni sociali di cui hanno assoluto bisogno? In parte lo stanno già facendo, molto più di quello che ci viene raccontato dai media e molto più di quanto le istituzioni politiche ne siano consapevoli.

Di questo difficile equilibrio tra norme, comportamenti individuali e relazioni sociali, nel webinar dell’11 novembre ne hanno discusso Alberto Pellai, Psicoterapeuta dell'età evolutiva, scrittore; Marianna Ladisi, Dirigente scolastica dell’I.C. di Aquino (Frosinone); Livio e Lorenzo del Liceo Scientifico “Giuseppe Peano” di Roma. A moderare l’incontro Adriana Bizzarri, coordinatrice nazionale Scuola di Cittadinanzattiva. Rivedi l’incontro.

BAMBINI EVENTO COVID

Una settimana di appuntamenti online per fare il punto su come l'emergenza sanitaria sta impattando sui diritti delle nuove generazioni. A promuoverla è il Gruppo CRC, di cui fa parte anche Cittadinanzattiva, e il magazine Vita.

Da lunedì 16 a venerdì 20 novembre - in cui si celebra la Giornata internazionale per i diritti dell'infanzia e dell'adolescenza - si susseguiranno in diretta (ore 18-19) sulla pagina Facebook di Vita (@VitaSocialContent) incontri con operatori, esperti e rappresentanti delle istituzioni. L’11°Rapporto sull’attuazione dei diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza in Italia del Gruppo CRC (in foto la copertina) che verrà pubblicato il 20 novembre, guiderà la discussione negli incontri e a fare il punto sui tanti temi.

Hanno già confermato la loro presenza Lucia Azzolina, Elena Bonetti, Giuseppe Provenzano, Sandra Zampa, Steni Di Piazza, Chiara Giaccardi, Daniela Lucangeli, Marco Rossi Doria, Chiara Saraceno e tanti altri. 

Approfondisci 

ioindosso2

Al via #ioindossolamascherina: operazione social che parla 5 lingue, nata grazie alla sinergia tra Egualia (già Assogenerici) e Cittadinanzattiva.

Un progetto semplice ma con un obiettivo importante: arrivare nella maniera più diretta e coinvolgente possibile a tutte le persone sul territorio italiano per ribadire l’importanza del corretto uso della mascherina, come fondamentale arma di prevenzione contro la diffusione del Covid-19. A prescindere da età, sesso, paese di origine e cultura. Le attività saranno infatti realizzate oltre che in italiano anche in inglese, francese, spagnolo e arabo.

scuola e coronavirus

Cittadinanzattiva Vinovo organizza un ciclo di tre videoconferenze sulla tematica della gestione dell’emergenza COVID-19 con particolare enfasi sui temi della sanità e della scuola. Il primo appuntamento sarà il 14 novembre dal titolo: “Cosa sta accadendo? Riflettere assieme su cosa ci aspetta e come prepararci ad affrontare il futuro nel campo sanitario e scolastico’’. Scarica il programma

 

IN DOLORE online18nov20020

Il 15 marzo 2010 usciva nel nostro Paese la Legge 38 concernente: Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. A 10 anni dall’emanazione di una legge italiana considerata decisamente innovativa anche rispetto al panorama legislativo europeo, quali cambiamenti sono avvenuti nell’approccio al paziente con dolore e/o in fase avanzata di malattia? Quale consapevolezza nella popolazione dei nuovi diritti? Quale conoscenza dei centri di cura?

Cattura

Si tiene il 12 novembre alle 15:30, presso l'IRSE (Istituto Regionale Studi Europei della Regione Friuli Vnezia Giulia) un appuntamento di dialogo fra associazionismo e politica dal titolo "La Salute vero banco di prova per una nuova giustizia sociale. Quale Paese vogliamo, in quale Europa".

Per Cittadinanzattiva è presente Francesca Moccia, vicesegretaria generale e direttore dell’Agenzia di valutazione civica. Già coordinatrice nazionale del Tribunale per i Diritti del Malato.

Annuncio webinar amici onblus1586x700

In Italia, ogni anno, circa il 5-8% dei pazienti che si recano in ospedale o nei centri diagnostici contraggono delle ICA (Infezioni Correlate all’Assistenza), determinate da microrganismi AR (Antimicrobial Resistance) o MDR (Multi-Drug Resistance). Si tratta di 450-700 mila casi: 1 paziente su 15 contrae un’infezione durante un ricovero ospedaliero, 1 su 100, invece, la contrae nell’assistenza domiciliare. Sempre nel nostro Paese, i decessi causati da ICA si stimano in circa 10 mila all’anno. Per la stessa causa, in Europa si contano circa 37 mila decessi all’anno, mentre sono 110 mila i decessi per cui le ICA sono una concausa di morte.

 cas immigrazione

Il 28 ottobre è stato presentato il nuovo Dossier statistico sull’immigrazione, il Rapporto giunto all’edizione numero 30 e realizzato da Idos in partenariato con il Centro studi Confronti, grazie al sostegno finanziario della Chiesa Valdese. Diversi i capitoli dedicati quest'anno agli effetti della pandemia sulle condizioni di vita e lavoro dei migranti e quelli dedicati ai singoli contesti regionali e territoriali. Anche in questa fase storica estremamente problematica, per gli effetti socialmente ed economicamente dirompenti della pandemia globale, il Dossier risulta dunque uno strumento conoscitivo estremamente utile che, attraverso i numeri, riesce a fornire un quadro dettagliato e corretto sulla realtà che ci troviamo a vivere, al fine di superare i luoghi comuni e i falsi miti che troppo spesso strumentalizzano il fenomeno migratorio.

Condividi