Sussidiarietà & articolo 118

  • Il Workshop tenutosi a Roma il 5 luglio 2010, dal titolo "Valutazione civica e qualità urbana: un'analisi partecipata della sperimentazione", ha rappresentato un momento di riflessione e di condivisione sul progetto sperimentale promosso dal Dipartimento della Funzione Pubblica in collaborazione con Formez, Cittadinanzattiva e Fondaca.

  • Progetto "Valutazione civica della Qualità Urbana": scarica le presentazioni di Laura Massoli, Dipartimento della Funzione pubblica, "La valutazione civica: Un progetto pilota DFP, Formez e Cittadinanzattiva", di Pia Marconi, Direttore Generale Ufficio Programma di Modernizzazione–DFP "Valutazione civica e qualità urbana: un'analisi partecipata della sperimentazione" e di Vittorino Ferla di Cittadinanzattiva "Valutazione civica e qualità urbana: un progetto pilota".

  • parlamento italiano 2015 02 13

    Nella revisione costituzionale del Titolo V nel 2001 fu inserito, all’art.118 comma 4, il principio di sussidiarietà orizzontale, fu riconosciuto cioè che i comuni cittadini hanno capacità di realizzare autonomamente interessi generali, e in tal caso le istituzioni pubbliche, dallo Stato ai governi territoriali, hanno l’obbligo di accogliere e accompagnare (favorire) le attività civiche.

    Il resto della revisione era confuso e contraddittorio, i ricorsi incrociati tra Regioni e Stato hanno bloccato quella normativa. Ma l’enunciato sulla sussidiarietà cittadini-istituzioni, che riprendeva una proposta avanzata anni prima da soggetti della società civile, ha avuto invece molteplici applicazioni.

  • volontari riformaterzosettore 2015 02 13

    Negli scorsi giorni il Governo ha presentato delle Linee guida per la riforma del Terzo settore, con un atto a nostro parere apprezzabile, che ha il merito di mettere al centro del dibattito politico la questione e di riconoscere il ruolo fondamentale del cosiddetto Terzo settore per lo sviluppo del nostro Paese.
    Di questo siamo contenti. E anche su alcune idee contenute nel documento, come quella di un forte rilancio del Servizio civile, non possiamo che essere d’accordo. Da tempo indicavamo in questo una priorità, conoscendo direttamente – attraverso la nostra attività nelle scuole – il grande interesse che riveste per i ragazzi la possibilità di fare “pratica di cittadinanza attiva”. 

  • La Scuola di Partecipazione C.A.S.T., Cittadini e Amministrazioni per lo Sviluppo dei Territori, realizzata nel 2008 dal Formez con Regione Puglia e Cittadinanzattiva nell'ambito del Progetto Rete di Reti,mira a diffondere la partecipazione alla costruzione delle politiche pubbliche e si rivolge ad amministratori, funzionari pubblici, cittadini e organizzazioni.

  • decreto sblocca italia 2015 02 13

    Il segretario generale di Cittadinanzattiva festeggia l’approvazione dell’emendamento all’art. 24 della legge «è una cosa bella perché libera energie e le mette in movimento. Dà ai cittadini uno strumento per mettere il valore sociale a servizio della società»
    La campagna #ripartiamodaicittadini è andata a segno.Organizzata da Cittadinanzattiva la movimentazione ha fatto si che sia stato approvato un emendamento all’art 24 della legge Sblocca Italia che dà una nuova dimensione al concetto di cittadino attivo.
    Spiega il segretario generale, Antonio Gaudioso: «non solo pulizia, manutenzione e abbellimento degli spazi comuni, quali attività rispetto alle quali i Comuni sono chiamati a favorire i cittadini, ma, soprattutto, riuso e recupero di beni pubblici inutilizzati, per lo svolgimento di attività di interesse generale, secondo un'interpretazione più appropriata del principio di sussidiarietà».

  • parlamento

    La Commissione Affari Sociali della Camera dei Deputati ha ammesso al voto, fra gli altri, due importanti emendamenti presentati da Cittadinanzattiva rispetto agli artt. 2 e 5 della legge delega di Riforma del Terzo Settore, sostenuti dai Deputati Beni, Capone, Grassi, Mariano, Albini, Argentin, Carnevali e Miotto.
    In particolare, l’emendamento all’art. 2 mira a inserire criteri oggettivi e predefiniti per la valutazione delle attività concrete che le organizzazioni realizzano, distinguendo fra quelle promosse per l’interesse generale e quelle che non hanno nulla a che fare con l’interesse generale, ma nascondono interessi economici o speculatori.

  • Con la campagna Ricuciamo la Costituzione Cittadinanzattiva ha aderito al Comitato promotore del Referendum costituzionale che, nel giugno 2006, ha bocciato l'ultima, pessima riforma costituzionale.

    Cittadini di sana e robusta Costituzione

  • Cittadinanzattiva e Fondaca hanno promosso, nel 2008, il Forum di discussione su rappresentanza e rappresentatività delle organizzazioni di cittadini.

    Articolato in due sessioni, il forum è stato dedicato interamente ad approfondire norme, criteri, paradossi e contraddizioni della rappresentanza delle organizzazioni dei cittadini in Italia.

  • Il 5 luglio la rete associativa «Cresce il welfare, cresce l'Italia», promossa da più di 40 organizzazioni - tra cui Cittadinanzattiva - che operano in Italia nel terzo settore, ha presentato una ricerca che dimostra come investire sul welfare possa aiutare il nostro Paese a uscire dalla crisi economica, contribuendo a creare occupazione. Approfondisci

    • Scarica il protocollo di intesa firmato nel 2006 tra Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Funziona Pubblica e Cittadinanzattiva per il programma "Obiettivo sussidiarietà orizzontale".

    • La crescente richiesta di partecipazione dei cittadini alle decisioni ed alle azioni che riguardano la cura di interessi aventi rilevanza sociale, presenti nella nostra realtà come in quella di molti altri paesi europei, ha oggi la sua legittimazione nella nostra legge fondamentale.

    • In seguito alla donazione da parte della Banca di Credito Cooperativo di Palestrina di un Insufflatore di CO2 per la Gastroenterologia dell'Ospedale di Palestrina, grazie all'interessamento della nostra Assemblea di Cittadinanzattiva, attraverso il rappresentante del Tribunale per i Diritti del Malato il dott. Stefano Fabroni, la nostra Assemblea ha ricevuto una lettera di ringraziamento della Direzione Sanitaria dell'Ospedale.

    • Nel 2008 il Dipartimento della Funzione Pubblica, il Formez e Cittadinanzattiva Onlus hanno realizzato il progetto "Nuovi strumenti di partecipazione e cooperazione tra le amministrazioni e i cittadini per sostenere lo sviluppo dei territori".

    • sblocca italia 2015 02 13

      Correva l’anno 1999 quando Cittadinanzattiva lanciò la campagna Imputati per eccesso di cittadinanza. Ridipingere le strisce pedonali, ripulire la scuola del proprio figlio, restituire alla sua bellezza un parco pubblico, patrocinare come avvocato in maniera gratuita la causa di un cittadino indigente poteva costare a quell’epoca una multa, una denuncia,la radiazione dal proprio ordine professionale: la campagna voleva evidenziare questo paradosso e rivendicare un ruolo riconosciuto per i cittadini attivi.
      Nel 2001, con l’approvazione definitiva dell’articolo 118 u.c. contenuto nel Titolo V della Costituzione, la campagna Imputati raggiunse il suo obiettivo: quello di prevedere l’obbligo per le istituzioni di non ostacolare, anzi di favorire l’autonoma iniziativa civica volta all’interesse generale.

    • sussidiarieta orizzontale

      Sono passati quasi 15 anni dall’approvazione dell’articolo 118, ultimo comma della Costituzione:  una rivoluzione per la nostra democrazia, che ha scardinato il paradigma tradizionale Stato-cittadini con le istituzioni che governano e i cittadini che votano e delegano, e ha introdotto l’idea di una “democrazia duale”, come la definisce Giuseppe Cotturri, in cui ai cittadini è riconosciuto un potere “concorrente” nella capacità e nella possibilità di promuovere iniziative di interesse generale.

      Il significato di “potere concorrente” è qui forzato in maniera intenzionale a significare due cose: la prima è che i cittadini esercitano un potere “che concorre” all’interesse generale, la seconda è che, così facendo, esercitano un potere che si pone “in concorrenza” con quello delle istituzioni rispetto all’interesse generale. Parliamo ovviamente di una concorrenza virtuosa, di una corresponsabilità che deve essere orientata ad alzare l’asticella della cura dei beni comuni e della tutela dei diritti verso gli standard massimi. E questo spiega anche perché le istituzioni hanno, per dettato costituzionale, l’obbligo di favorire questo tipo di iniziativa dei cittadini.

    • scuolaamica 2015 02 15

      Genitori che si rimboccano le maniche per ripulire la scuola, ed altri che si oppongono alla chiusura della scuola "insicura" per la scomodità' che crea. Dirigenti scolastici che presidiano la sicurezza degli edifici a loro affidati con il concorso di tutti, e altri che impediscono l’accesso nelle scuole  alle organizzazioni o ai Comitati, considerandole proprietà privata.
      Sindaci che non riescono ad intervenire neanche rispetto alle urgenze, altri che agiscono con le poche risorse disponibili, ingegnandosi come possono. Insegnanti disponibili anche a somministrare medicinali, insegnanti refrattari a qualunque cambiamento e innovazione. Edifici scolastici nelle grandi città che cadono a pezzi, edifici all’avanguardia anche in piccole città del Sud.

    • Leggi i materiali illustrati nella prima sessione del Forum di discussione su rappresentanza e rappresentatività delle organizzazioni di cittadini (2008).

    • Il 14, 15 e 16 ottobre 2008 a Reggio Emilia, in occasione della Settimana europea della democrazia locale promossa dal Consiglio d'Europa, si è tenuto Governare con i cittadini, tre giornate di studio e di confronto, di rilievo internazionale, sul tema del cambiamento nelle relazioni tra istituzioni e cittadini, con particolare riferimento alle questioni della democrazia partecipativa e della sussidiarietà orizzontale.

    • Consulta le esperienze di partecipazione civica

      Inserisci un'esperienza

      Cittadinanzattiva mette a disposizione dei propri livello locali e regionali, ed anche del nostro paese, esperienze di partecipazione civica realizzate dalle Assemblee territoriali e dalla sedi regionali quali contributo di conoscenza, di valorizzazione, di miglioramento e ampliamento della partecipazione civica nel nostro paese.
      Ogni anno verrò prodotto una Report sulle esperienze realizzate di partecipazione civica con l’obiettivo di aumentare lo scambio di esperienze nei diversi ambiti, di favorire l’emergere di iniziative civiche, di sostegno alle nuove esperienze.
      Cittadinanzattiva ha prodotto una definizione partecipazione civica con 5 caratteristiche.

    • Disponibile! L'attivismo civico per la riqualificazione dei territori
      Da Cittadinanzattiva proposte per rafforzare la sussidiarietà sulla base del nuovo articolo 24 dello Sblocca Italia

      Una proposta di delibera ispirata all'interpretazione autentica dell'art. 24, da costruire con Anci e Regione Umbria, per dare gambe all'articolo dello Sblocca Italia relativo alle "Misure di agevolazione della partecipazione delle comunità locali in materia di tutela e valorizzazione del territorio ". Ed ancora la promozione di laboratori in alcuni Comuni umbri per superare gli ostacoli che ancora impediscono il riutilizzo di edifici pubblici abbandonati a favore di iniziative di interesse generale.
      Sono queste alcune delle proposte emerse dal convegno "Disponibile! L'attivismo civico per la riqualificazione dei territori", organizzato oggi a Perugia da Cittadinanzattiva.

       

    • Un network di organizzazioni e personaggi nazionali di rilevo ha avviato un percorso di mobilitazione per la difesa e l'applicazione della nostra Carta Costituzionale e contro la riforma dell'art.138. Cittadinanzattiva aderisce alla manifestazione che si terrà il 12 ottobre a Roma: appuntamento alle 14.00 a Piazza della Repubblica. Per saperne di più

    • att civico citta 2015 02 13

      Negli scorsi giorni abbiamo saputo, con soddisfazione, che i due emendamenti principali che Cittadinanzattiva ha presentato in Commissione Affari Sociali della Camera sulla riforma del terzo settore sono stati depositati e fatti propri da molti deputati.

      Ne siamo felici in particolare perché entrambi gli emendamenti miravano a richiamare e a valorizzare il significato “costituzionale” della sussidiarietà, quello, a nostro parere, autenticamente sotteso all’articolo 118, ultimo comma, della Costituzione, quando recita che le istituzioni devono favorire l’autonoma iniziativa dei cittadini, singoli e associati, per lo svolgimento di attività di interesse generale.

      • La politica costa troppo, e impedisce la partecipazione dei cittadini

      • La burocrazia soffoca la vita quotidiana

      • Le corporazioni bloccano la liberalizzazione del mercato

      • E' necessario liberare le energie positive dei cittadini per cambiare la politica italiana

      • Prendi visione del "programma", del "manifesto" e del "senso del progetto" della Scuola di Partecipazione C.A.S.T., Cittadini e Amministrazioni per lo Sviluppo dei Territori, realizzata nel 2008 dal Formez con Regione Puglia e Cittadinanzattiva.

Condividi

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.