Scuola

 sicurezza cinture scuolabus

L'ultimo incidente, in ordine di tempo, è accaduto nel Mantovano solo pochi giorni fa: uno scuolabus è finito fuori strada, provocando il ferimento di 30 fra alunni, autista e insegnanti.

Da qui una petizione online, rivolta al Ministero dei Trasporti e al MIUR, che chiede l'obbligatorietà delle cinture di sicurezza per i bambini che viaggiano sui bus scolastici:

mensa sindaco blocco auto

E' una decisione presa dal Comune di Ladispoli che, vista l'evasione di 250 mila euro, ha deciso di ricorrere alle maniere forti e di prevedere il blocco dell'auto di quei genitori che non pagano la retta della mensa scolastica dei figli. La situazione è divenuta intollerabile, molte famiglie pur potendo pagare si rifiutano di farlo. I controlli saranno fatti a tappeto per scovare gli evasori e procedere con le sanzioni.

Al Majorana di Brindisi la campanella suonerà alle 10

Dal prossimo anno all'Istituto Majorana di Brindisi parte la sperimentazione dell'ingresso per gli studenti alle ore 10, così si migliorerà il sonno e soprattutto l'apprendimento. Dagli studi effettuati in altri Paesi europei l'ingresso a scuola in tarda mattinata pare migliori l'apprendimento, secondo gli studiosi infatti vi è una stretta relazione tra la qualità e la quantità del sonno e la capacità di imparare, l'orario di ingresso pare sia decisivo e incidere molto sulla performance dei ragazzi.

Dal 9 gennaio è possibile registrarsi sul sito del Ministero dell'Istruzione per l'iscrizione a elementari, medie e superiori. dal 16 gennaio al 6 febbraio partiranno le iscrizioni vere e proprie.

Si potranno indicare fino a tre scuole di proprio gradimento. Ogni scuola viene identificata da un codice, chiamato “codice scuola”. Se non si conosce il codice si può fare una ricerca sul sito Scuola in Chiaro, o richiederlo direttamente alle scuole.

orino i dati del XV Rapporto sulla sicurezza delle scuole

La Fondazione Benevenuti in Italia lo scorso lunedì 18 dicembre, ha organizzato un incontro con Adriana Bizzarri coordinatrice nazionale della rete scuola di Cittadinanzattiva per discutere di edilizia scolastica e dei dati emersi dal XV Rapporto sulla sicurezza delle scuole che contiene anche i dati dell'accesso civico che l'associazione ha rivolto a Comuni e Province per avere informazioni aggiornate sulle condizioni degli edifici scolastici di loro competenza. Durante l'incontro sono emersi i pericoli principali e ricorrenti in vari edifici come: le misure antincendio, sismiche ed i controsoffitti.

scuole antisismiche

Lo scorso 19 dicembre a Palazzo Chigi è stato presentato in conferenza stampa il libro "Fare scuola. L'impegno del Governo per il miglioramento del patrimonio scolastico in Italia" alla presenza dell'architetto Laura Galimberti, coordinatrice della Struttura di missione per l'edilizia scolastica della Presidenza del Consiglio, il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Maria Elena Boschi e la Ministra Valeria Fedeli che con l'occasione ha fatto il punto sui fondi stanziati per l'edilizia scolastica in questi anni e su quelli che saranno stanziati a breve.

scuola cinese padova aprtura 725x545

A Padova nel quartiere multietnico dell'Arcella ha aperto la prima scuola internazionale italo - cinese (Siic) riconosciuta dal Ministero. E' un istituto che conta circa 100 iscritti di cui 30 italiani, nato grazie agli investimenti di Pechino ed oggi si regge sulle rette degli studenti. I programmi scolastici uniscono la didattica italiana con la tradizione cinese e le lezioni sono scandite da una certa regolarità e attività specifiche come: la ginnastica oculare, la calligrafia, l'arte, la matematica, la musica, la danza, il tackwondo, l'inglese fin dalla scuola materna ed il mandarino alla scuola primaria.

L'integrazione si fa nel cortile, però rimesso a nuovo, grazie al lavoro congiunto di studenti, famiglie ed insegnanti. Succede nella scuola Sabin di corso Vercelli 157 a Torino, dove, su 613 studenti frequentanti, ben 406 sono figli di genitori stranieri.

Dopo che il Parlamento ha risolto la questione con un emendamento alla legge recante disposizioni urgenti in materia finanziaria e per esigenze indifferibili e la sua pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del 5 dicembre (art 19 bis), ora il Ministero ha scritto a tutti i dirigenti scolastici.

Anche per il 2018 ci saranno 75 milioni di euro di risorse statali per sostenere i servizi di assistenza agli alunni con disabilità, l’autonomia e la comunicazione, passati ormai da alcuni anni, con la legge Delrio, alla competenza delle Regioni. Le risorse sono state stanziate grazie a un emendamento alla legge di Bilancio.

Condividi

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.